Online il bando Democrazia Partecipata 2020: come presentare il tuo progetto per Messina

Foto frontale del Municipio di MessinaFino al 30 settembre 2020 è possibile presentare una proposta al Comune di Messina per vedere realizzato un proprio progetto – riguardante il verde pubblico, le attività sportive o culturali e altri ambiti –, per la città della Stretto. Come? Basta partecipare al bando sulla Democrazia Partecipata 2020 che mette a disposizione 116mila euro per dare vita alle idee di cittadini e associazioni.

Con il “Regolamento comunale del Bilancio Partecipativo” approvato a maggio 2019 dal Consiglio Comunale su proposta del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle, il 2% delle somme trasferite nel 2020 dalla Regione Siciliana (oltre 116mila euro) sono destinati ai progetti voluti per la città dai suoi abitanti. È possibile presentare la propria idea si come privato cittadino che attraverso un’associazione (che non abbia fini politici) entro il 30 settembre 2020.

«Si tratta di una grande opportunità – commenta la consigliera del M5S Cristina Cannistrà. Tutti i messinesi possono prendere parte attivamente alla vita politica della città, attraverso il loro coinvolgimento diretto nella scelta degli obiettivi e delle modalità di spesa delle risorse pubbliche: un traguardo importantissimo, che di fatto “apre le porte” di Palazzo Zanca a tutti i cittadini, i quali potranno decidere, di concerto con l’Amministrazione e le Circoscrizioni, quali sono le reali priorità della città, scegliendo ad esempio se utilizzare i relativi fondi per migliorare il verde pubblico, realizzare un parco giochi per bambini o dei parcheggi».

Democrazia partecipata 2020: come presentare una proposta per Messina

Il Regolamento comunale del Bilancio Partecipativo consente a cittadini e associazioni (ma anche istituzioni scolastiche o enti pubblici) di presentare richieste e proposte in materia di strutture sportive, arredo urbano, tutela dell’ambiente, verde pubblico, attività culturali, sportive e ricreative, servizi sanitari e socio-assistenziali, attività educative di istruzione e formazione, politiche giovanili e integrazione sociale.

Per presentare le proprie idee occorre collegarsi alla sezione dedicata alla Democrazia Partecipata 2020 del sito del Comune di Messina e compilare il modulo direttamente online. Una volta inseriti i propri dati, verrà richiesto di indicare un’area tematica di intervento e una zona della città (da selezionare tra quelle indicate aggiungendo eventualmente una via). Dopodiché, si dovrà inserire una breve descrizione della propria idea (tra gli 0 e i 1000 caratteri, spazi inclusi) e allegare un documento di identità. La proposta può riguardare sia singole zone che tutta la città.

Le aree tematiche su cui si può richiedere un intervento sono le seguenti:

  • Ambiente e territorio;
  • Sviluppo economico e turistico;
  • Aree verdi;
  • Attività sociale, scolastiche ed educative;
  • Attività culturali, sportive e ricreative.

Per maggiori informazioni è possibile scaricare il bando Democrazia Partecipata 2020 da questo link.

(206)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *