museo1

Museo Regionale, terminata la fase del trasferimento delle opere

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Concluso il trasferimento alle nuove sale in allestimento di tutte le opere della collezione permanente esposte fino al 7 novembre scorso nella sede storica della Filanda.

Tra venerdì 25 a ieri – fa sapere il museo – il trasporto eccezionale del monumentale Crocefisso ligneo databile tra il XIV ed il XV secolo, recentemente restaurato, e della Pala d’altare della Presentazione al Tempio di Girolamo Alibrandi, già nella chiesa di S. Nicolò distrutta dal Sisma del 1908, e ricomposta nei suoi oltre trecento frammenti recuperati nel corso di molteplici interventi risarcitori avviati nei primi decenni del secolo scorso.

Alla complessa movimentazione, all’interno del recinto museale e da cancello a cancello all’esterno del perimetro sotto scorta della Polizia Municipale, è preceduta la delicata fase degli imballi con materiali ammorizzanti, tessuti tnt, poluretani espansi, cunei e imbracature al fine di azzerare potenziali stress alle opere più delicate.

Casse apposite sono state predisposte dalle ditte specializzate coinvolte nelle operazioni per i capolavori del Caravaggio.

L’alta sorveglianza e l’aggiornamento dei condition report di opere e manufatti, verifica approfondita delle condizioni di conservazione essenziale per l’adozione di ulteriori misure precauzionali, è stata assicurata dai dirigenti e funzionari della struttura.

Collocato intanto nell’ambiente dedicato all’archelogia subacquea nella sezione apposita il Rostro di Acqualadroni che si fa risalire al III/I  seclo a. C., recuperato al largo di Capo Rasocolmo sulla riviera tirrenica e concesso dalla Soprintendenza del mare dopo i restauri condotti a Pisa, insieme ai reperti in arrivo dai depositi della Soprintendenza di Messina che implementeranno la già ricca collezione archelogica de Museo.

(134)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.