MoVimento 5 Stelle a Pace del Mela: «L’elettrodotto? Un obbrobrio mortale»

Pubblicato il alle

3' min di lettura

tn M5Space«Un territorio mortificato da un punto di vista ambientale e dove si muore perché gli amministratori hanno svenduto i propri cittadini a multinazionali dell’energia che hanno trasformato uno splendido territorio in un obbrobrio mortale». Queste le parole del Capogruppo all’Ars del Movimento 5 Stelle, Giancarlo Cancelleri, che oggi è stato a Pace del Mela, «un territorio — ha detto — in cui la multinazionale dell’energia Terna sta costruendo un elettrodotto che passa sulle teste dei cittadini e dove, dati alla mano, l’incidenza dei tumori è influenzata dalla massiccia presenza di tralicci e piloni d’alta tensione». Dall’analisi delle cartelle cliniche, a Passo Vela risultano 8 persone ammalate di tumore in un raggio di 300 mt  da un grosso pilone dell’alta tensione. In via Romolo Muti ci sono due casi di leucemina cronica e sempre nella stessa area sono morte 8 persone in 12 mesi. «Una casistica troppo elevata per essere una casualità» — sostengono gli abitanti che nel frattempo si sono costituiti in associazioni e comitati riuniti dal Coordinamento Ambientale Milazzo-Valle del Mela. Giuseppe Maimone, a capo del cooordinamento, aveva invitato i deputati del Movimento 5 Stelle a visitare questo territorio “martoriato”, oggi i membri del Movimento hanno risposto con la loro presenza mentre la scorsa settimana hanno presentato all’Assemblea Regionale Siciliana una mozione in cui si chiede al Governo Regionale di intervenire per modificare l’opera: da un elettrodotto aereo a un elettrodotto in galleria. «Chiederemo al Presidente dell’Assemblea, Ardizzone — dichiara Cancelleri — di voler anticipare la discussione del tema per suggerire al Governo di intimare a Terna la modifica del tracciato aereo a uno in galleria, dato che al momento i cavi passano sulle teste dei cittadini, non risparmiando nemmeno il cimitero di Pace del Mela, al cui interno insiste infatti un grosso traliccio d’alta tensione».  Dello stesso tenore le dichiarazioni di Valentina Zafarana, che aggiunge: «Mi duole il cuore a sentirmi raccontare di queste morti e questi casi di malattia. Vi siamo vicini, siamo il vostro faro all’interno del Parlamento Regionale per cercare di porre un freno alla questione». Mentre intanto l’Assessore Regionale al Territorio e Ambiente, Mariella Lo Bello, ha “invitato” Terna a sospendere i lavori. La società però non ha fermato i lavori e ha dimostrato di non voler collaborare dichiarando, invece, l’intento di accelerare le opere e di essere in possesso delle  autorizzazioni ministeriali. I cittadini del comprensorio e i deputati regionali del Movimento 5 Stelle chiederanno l’attivazione di un tavolo tecnico alla presenza dell’Assessore Regionale e dell’Autorità prefettizia di Messina.

(214)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.