Mobilitazione generale contro la chiusura delle Corti d’Appello: Messina c’è

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Pa comunicano che anche Messina, mercoledì 4 maggio,
aderisce alla mobilitazione nazionale che prevede assemblee dei lavoratori indette contemporaneamente in tutti gli uffici del ministero della Giustizia, contro la paventata chiusura della Corte d’Appello.

“I lavoratori – si legge in una nota congiunta – sono fortemente preoccupati perché gli interventi di riforma del sistema giudiziario, avviati da quasi un anno, non sono stati accompagnati dalla realizzazione di investimenti mirati per il personale. Questi lavoratori hanno continuato, responsabilmente, ad assicurare il servizio ai cittadini e per le difficili condizioni, spesso anche drammatiche, in cui versa la giustizia in Italia, ne hanno sopportato il peso maggiore”.

“Non è pensabile – aggiungono gli esponenti della Triplice – che al territorio di Messina debba essere sottratta la Corte di Appello, né con ulteriori chiusure di presidi di legalità“.

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Pa, “consapevoli che nessuna riforma può essere risolutiva delle criticità della giustizia, a partire dalla lentezza dei processi“, ribadiscono la “necessità di investire sulla valorizzazione del personale“degli uffici giudiziari italiani, sulla sua “formazione e incentivazione”. “Per rendere il nostro sistema giudiziario finalmente veloce, efficiente e certo – proseguono – bisogna investire sulla riorganizzazione e sullo sviluppo delle professionalità”.

Le iniziative delle federazioni di categoria hanno indotto il ministro Andrea Orlando a convocare i sindacati per il prossimo 10 maggio per discutere della riqualificazione del personale attualmente in servizio “ma solo risultati concreti e soddisfacenti fermeranno lo stato di agitazione”. I sindacati si dicono convinti che “non si può pensare di risolvere il problema della giustizia con una riforma a costo zero, con gravi ripercussioni per i diritti dei lavoratori e dei cittadini”.

(229)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.