Migranti, il M5S: «Bene Conte, ma servono aiuti economici anche per Messina»

foto dei migranti soccorsi dalla seawatch 3 che approderanno a messinaChiudere formalmente l‘hotspot di Bisconte ed estendere le misure economiche in favore di Lampedusa anche a Messina e ad altre comunità che accolgono i migranti in arrivo sulle coste della Sicilia: sono queste, in sintesi, le richieste dei parlamentari messinesi del Movimento 5 Stelle, Grazia D’Angelo, Francesco D’Uva e dei deputati Ars Antonio De Luca e Valentina Zafarana a seguito dell’incontro a Palazzo Chigi tra Giuseppe Conte e Nello Musumeci.

Dopo la sospensione dell’ordinanza di chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza della Sicilia emanata dal presidente della Regione, il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese hanno incontrato il governatore Nello Musumeci, l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza e il sindaco di Lampedusa Totò Cordaro. Dall’incontro – che non ha soddisfatto del tutto il Presidente Musumeci – sono emerse misure economico-finanziarie  che prevedono ristori per Lampedusa e l’esenzione della tassazione per i suoi abitanti (sospensione di adempimenti e versamenti, anche arretrati).

Migranti: misure economiche per Messina e il nodo di Bisconte

«Apprezziamo la volontà del nostro Governo di prevedere l’arrivo di due navi che trasferiranno i migranti presenti nell’hotspot di Lampedusa, il rafforzamento della sorveglianza sanitaria dei migranti ed un piano di rimpatrio intensificato» esordiscono i pentastellati. Ma c’è un ma. Oltre a queste misure, secondo loro, da Roma si dovrebbe fare di più.

I deputati regionali e nazionali del Movimento 5 Stelle, infatti, chiedono che i provvedimenti economici previsti per Lampedusa vengano estesi anche ad altre comunità siciliane che «hanno dimostrato generosità e spirito di accoglienza negli ultimi mesi come Caltanissetta, Vizzini, Porto Empedocle, Pozzallo e Messina». Ma la città dello Stretto, rimane ancora da sciogliere il nodo dell’ex hotspot di Bisconte: «Da anni ormai – spiegano i pentastellati – denunciamo la necessità di chiuderlo, viste le condizioni in cui sono costretti a vivere gli ospiti del centro. Attualmente questa struttura non è aperta, ma vorremmo che venga chiusa formalmente».

«L’ex caserma Gasparro – aggiungono – ricade, inoltre, in una zona fragile inserita in ambito di risanamento e si trova anche nelle vicinanze centro cittadino ed i residenti hanno chiesto più volte che sicurezza ed accoglienza vadano di pari passo».

La gestione dei fenomeni migratori verso la Sicilia

Più in generale, per il Movimento 5 Stelle «è arrivato il momento di attuare un piano concreto per la gestione dei fenomeni migratori che vedono coinvolta la Sicilia, a causa dell’instabilità del Nord Africa e, in particolare della Tunisia, che in questi mesi hanno messo a dura prova la nostra isola».

«La Sicilia è il primo approdo del Mediterraneo – proseguono – e, proprio per questo, necessitiamo di strutture adeguate, così come le navi per la quarantena, per effettuare i dovuti screening sanitari ai migranti che sbarcano. Servirà anche una struttura burocratica e giuridica snella che possa distinguere i richiedenti asilo (che godranno di protezione umanitaria) dai migranti economici (che potranno essere ricollocati per lavorare nelle regioni del nostro Paese)».

(108)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *