valentina zafarana

Messina, Zafarana (M5S): «500mila euro per abbattere barriere architettoniche sulle spiagge»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

In arrivo per Messina 500mila euro per l’abbattimento delle barriere architettoniche sulle spiagge della città e 100mila euro per la creazione di uno o più “parchi inclusivi”: a comunicarlo è la deputata regionale, Valentina Zafarana, del Movimento 5 Stelle, a seguito dell’approvazione, all’interno della finanziaria regionale di due emendamenti da lei presentati. «Una conquista di civiltà, nel nome dell’inclusività e dei diritti», commenta.

Soddisfatta l’onorevole Valentina Zafarana: «Ormai da decenni – commenta in una nota – la normativa italiana impone agli Enti locali l’abbattimento delle barriere architettoniche, eppure il problema rimane sempre attuale, con conseguenze dirette sulla vita e sul benessere dei cittadini. Il mare è un diritto di tutti e non è in alcun modo ammissibile che ampi tratti del litorale cittadino rimangano off limits o di pertinenza di pochi. La possibilità di accedere liberamente in spiaggia è una conquista di civiltà, che consentirà una maggiore inclusione e incentiverà il turismo, offrendo a cittadini e visitatori servizi moderni e una migliore qualità della vita».

Inoltre, aggiunge la Deputata, la Regione Siciliana stanzierà 100mila euro per la costruzione di uno o più “parchi inclusivi” a Messina. «Grazie a questo intervento – spiega Zafarana – anche i bimbi messinesi diversamente abili avranno una possibilità in più per poter trascorrere delle ore all’aria aperta, in un ambiente attrattivo, congruo e sicuro, in cui viene riconosciuto a tutti il diritto al gioco».

Poi la stoccata alla precedente amministrazione: «Purtroppo, il progetto presentato dal Comune di Messina per ottenere i finanziamenti regionali era arrivato ultimo nella graduatoria dei progetti ammissibili, e dunque era rimasto escluso per mancanza di fondi. Con questo intervento speriamo di contribuire a donare un sorriso, e qualche ora di spensieratezza, a tanti bambini e bambine che finalmente potranno godere degli stessi diritti dei loro coetanei senza alcuna discriminazione di sorta, come stabilito dalla convenzione sui diritti dell’infanzia».

(80)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.