Messina. Una panchina bianca dedicata ai più piccoli nella piazza del Tribunale

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Nella piazza del Tribunale di Messina è stata inaugurata una panchina bianca che si aggiunge a quella rossa e a quella blu; la panchina bianca è dedicata ai minori. L’iniziativa, promossa dall’Ordine degli Avvocati e dal Rotary Club Stretto di Messina, ha l’obiettivo di accendere i riflettori sulla necessità di una maggiore tutela dei più piccoli.

«L’installazione – si legge nella nota – evoca il loro candore, la loro innocenza e rappresenta un prezioso monito, intriso di significato, e un insegnamento per tutti coloro che devono salvaguardare i diritti inderogabili dei “nostri figli”: madri, padri, magistrati, avvocati, assistenti sociali e tutti gli operatori del processo di famiglia».

In tal senso l’Ordine degli Avvocati si sta muovendo per rendere operativi i registri professionali, «stiamo aggiornando il protocollo d’intesa, già firmato dal nostro Ordine anni fa, che – ha detto il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Messina, Domenico Santoro – prevede l’audizione del minore nella sede di Palazzo Carrozza, e si colloca nella direzione giusta e opportuna di un più efficace diritto collaborativo utile per una mediazione familiare».

La panchina bianca

Quella rossa è dedicata alle donne, quella blu alla parità genitoriale, e da oggi la panchina bianca che si trova nella piazza del Tribunale di Messina sarà dedicata ai più piccoli, molto spesso oggetto di scontro tra le due parti in caso di separazione o divorzio.

All’inaugurazione hanno preso parte la presidente del Tribunale di Messina Marina Moleti, la presidente del Tribunale per i minorenni Maria Francesca Pricoco, la presidente della Prima sezione del Tribunale della famiglia Caterina Mangano, il CPO Comitato Pari Opportunità dell’Ordine, la dottoressa Mary Guerrera del Rotary Club Stretto di Messina e alcune associazioni forensi.

(136)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.