tram bloccato a piazza cairoli, servizio sospeso a messina

Messina, tram in avaria a Natale. I sindacati: «Campagna spieghi come spende i soldi pubblici»

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Tram in avaria il giorno di Natale a Messina e blocco del servizio per oltre tre ore: questo quanto segnalato dai sindacati Filt CGIL, UILT, FAISA CISAL, UGL e ORSA, che puntano il dito contro l’ATM Spa. «È arrivato il momento che il presidente Campagna abbandoni il ruolo di ospite fisso nei talk show e spieghi ai cittadini come spende i soldi pubblici» tuonano dalle segreterie.

Sindacati e ATM Spa sempre più ai ferri corti a Messina. L’ultimo fattore a scatenare lo scontro, il guasto di una vettura del tram avvenuto il 25 dicembre nei pressi della fermata del Ringo. Cos’è successo? A spiegarlo sono i sindacati: in sostanza, un mezzo sarebbe andato in avaria a causa blocco dei carrelli freni e della trazione. A rilento, poi, gli interventi per rimettere in moto il servizio, rimasto bloccato per oltre tre ore.

Secondo i sindacati, il problema sarebbe stato causato da un’«anomalia che i conducenti segnalano da mesi nei libri di bordo, senza attivare l’interesse della direzione aziendale che non accenna a porre in essere soluzioni definitive tese ad eliminare la costante anomalia che crea disservizio ed espone a rischio la sicurezza di utenza e lavoratori».  Per questa ragione, Filt CGIL, UILT, FAISA CISAL, UGL e ORSA «hanno ufficialmente denunciato allo SPreSAL (Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro) di Messina in data 04 dicembre 2022 ed evidenziato nelle motivazioni delle procedure di raffreddamento in atto».

«Ma “a Natale si può fare di più” – proseguono i sindacati in una nota – e ATM S.p.A. ce l’ha fatta, la direzione aziendale che in occasione di scioperi e assemblee dei lavoratori pretende la presenza di personale di officina e rimessa, giudicando tali operatori essenziali per la continuità del servizio e la tutela della sicurezza, nei giorni festivi sospende totalmente detti servizi (essenziali a convenienza) e abbandona a se stessi i conducenti di Tram e Bus in caso di avarie».

La situazione sarebbe stata poi risolta, aggiungono le organizzazioni sindacali, «grazie alla professionalità dei conducenti. Dopo aver sbloccato i carrelli dei freni – spiegano –, la vettura del Tram 08T, impegnata in altro servizio, è stata dirottata sul posto per trainare il convoglio guasto fino al tronchino del capolinea museo. Si spera che ATM S.p.A. prenda in seria considerazione la sequela di costanti anomalie e non archivi anche quest’ultimo evento con un provvedimento disciplinare, la richiesta di risarcimento e la messa in mora dei conducenti che si sono adoperati».

Tram in avaria, i sindacati: «ATM spieghi ai cittadini come spende i soldi pubblici»

L’attacco dei sindacati è quindi rivolto al presidente di ATM Spa, Giuseppe Campagna: «Abbandoni il ruolo di ospite fisso nei talk show – scrivono Filt CGIL, UILT, FAISA CISAL, UGL e ORSA – e spieghi ai cittadini come spende i soldi pubblici. La parvenza di efficienza che il Presidente propaganda con monologhi organizzati in assenza di contraddittorio, è dovuta solo ai tanti soldi pubblici che l’Amministrazione Comunale ha messo nelle sue mani ma è dimostrato che altre aziende partecipate, con sovvenzioni pubbliche nettamente inferiori, ottengono risultati di efficienza di tutto rispetto, in assenza di periodici disservizi e senza criminalizzare i dipendenti».

«Probabilmente – concludono i sindacati – in fase natalizia l’azienda è troppo impegnata a elargire promozioni e aumenti stipendiali ai soliti noti per occuparsi seriamente dell’efficienza e della sicurezza del Tram. Campagna sospenda i comunicati stampa stucchevoli e le comparsate televisive e spieghi ai cittadini e al Sindaco di Messina come ha speso i soldi per il revamping del Tram che resta vetusto, insicuro e crea disservizi giornalieri a danno dell’utenza, anche con le vetture “ristrutturate” attraverso l’investimento di tanti, troppi, soldi pubblici. L’azienda faccia chiarezza e il Sindaco istituisca  una commissione d’inchiesta, prima che l’ennesimo fiore all’occhiello si trasformi ancora in contenitore di debiti sul groppone dei messinesi».

Di seguito, il video inoltrato dai sindacati che mostra il blocco del tram:

(Foto di repertorio)

 

(87)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.