Messina, torna sui binari lo storico treno “Rapido Peloritano”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Ha collegato la Sicilia con Roma fino al 1987, anno in cui sono arrivati gli Intercity; adesso il “Rapido Peloritano”, leggendario treno a lunga percorrenza tornerà sui binari per tre viaggi speciali, organizzati dalla Fondazione FS Italiane; di cui uno con partenza proprio da Messina.

La prima corsa dello storico mezzo, infatti, è prevista sabato 16 luglio dalla stazione di Messina Centrale alle 14:50. «A bordo del “Rapido Peloritano” – fa sapere la Fondazione del Gruppo Ferrovie dello Stato – i viaggiatori avranno modo di rivivere la fantastica atmosfera ferroviaria degli anni ’80 del secolo scorso, con servizi di lusso e grande confort di bordo».

Il Rapido Peloritano è composto da elettromotrici ALe601 e rimorchi di sola 1ª classe che offriva servizio ristorante e di custodia bagagli. La sua storia inizia nel 1965 con la nascita dei treni di lusso italiani. «Il Peloritano, per venti anni, – scrive l’associazione Ferrovie Sicilianeha fatto parte della vita dei siciliani e ha rappresentato, in un’epoca in cui il trasporto aereo era usufruito da una utenza ristrettissima, il collegamento veloce per eccellenza tra la capitale e la Sicilia».

Da Messina a Roma: le corse del “Rapido Peloritano”

Come abbiamo detto, il “Rapido Peloritano” partirà da Messina, sabato 16 luglio alle 14:50, e percorrerà la linea ferroviaria che costeggia il mar Tirreno fino a raggiungere Palermo, con arrivo previsto alle 18.30. Previste altre due corse; ecco dove e quando:

  • domenica 17 luglio, alle 10:24 dalla stazione di Palermo Centrale e arrivo a Messina alle 13:15;
  • lunedì 18 luglio, alle 8:20 dalla stazione di Reggio Calabria, con fermate intermedie nelle stazioni di Lamezia Terme Centrale (9:46), Salerno (12:28) e arrivo a Roma Termini alle 15:48.

A questo link per acquistare i biglietti.

(Foto di Domenico Arena)

(768)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.