Messina. Sporcizia e degrado nei mercati: De Luca annuncia lo STOP alle pulizie

Ancora non ci siamo. I mercati Sant’Orsola e Vascone di Messina finiscono di nuovo nel mirino di Cateno De Luca. A far infuriare il Sindaco della città dello Stretto, le condizioni di degrado e sporcizia in cui versano le due aree, ma non solo. La Giunta annuncia le “maniere forti” per far rispettare le regole.

«Basta con questo schifo!» senza giri di parole il sindaco Cateno De Luca commenta sulla sua pagina Facebook le foto scattate in giro per due dei mercati cittadini, il mercato di Sant’Orsola e il Mercato Vascone. Tra cassette di legno, plastica e polistirolo abbandonate per terra, buste colme di rifiuti e una raccolta differenziata fatta in modo approssimativo, le due aree non sembrano rispettare le regole igienico-sanitarie imposte dall’Amministrazione.

Ma non finisce qui. «Nei mercati Sant’Orsola e Vascone – specifica Cateno De Luca commentando le foto condivise – non solo abbiamo oltre il 50% di morosi ma gran parte dei mercatali non fa la raccolta differenziata e lascia quotidianamente questo schifo».

Come si intende porre rimedio a questa situazione? Be’, la filosofia del Sindaco di Messina sembra essere quella del “a mali estremi, estremi rimedi”: da lunedì MessinaServizi Bene Comune, su espresso ordine di De Luca e dell’assessore Dafne Musolino, non raccoglierà i rifiuti dei due mercati, dopodiché all’orizzonte per i mercatali che non rispettano le regole si prospetta un’ordinanza sindacale di chiusura per questioni igienico-sanitarie.

«Così – tuona De Luca in conclusione – la finiamo una volta per tutte con questo esercizio muscolare».

(191)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *