Messina, Rizzo e la buca di via Caristi: «L’ex Giunta non ha risolto il problema ma ha chiuso il transito»

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Massimo Rizzo, Consigliere Comunale di LiberaME, lamenta interventi fatti con poca cura da parte del Comune di Messina nella zona di Sant’Agata. Nello specifico, Rizzo parla di una buca in via Caristi, una piccola strada che negli anni è divenuta un unico accesso di un luogo ad alta densità abitativa.

«Risiedono, infatti, – si legge nella nota – molti cittadini che da tempo vivono il disagio di una strada che ad ogni pioggia risulta impraticabile con grave pericolo per l’incolumità dei residenti che hanno sollecitato tante volte i mezzi di informazione e gli organi preposti, tra cui il genio civile, che aveva intimato al Comune di intervenire in modo risolutivo.

In realtà una risposta da parte dell’Amministrazione c’è stata e l’ampia buca che si era formata al centro della sede stradale era stata coperta, consentendo il transito ai numerosi residenti della zona, ma l’intervento eseguito è apparso subito alquanto raffazzonato».

La buca di Via Caristi

Nonostante le richieste di risolvere il problema, la buca di via Caristi non è stata sistemata. «Al primo acquazzone – continua il Consigliere Rizzo – il problema si è ripresentato ma l’Amministrazione Comunale oggi dimissionaria, invece di un intervento risolutivo e a regola d’arte, ha pensato bene di “eliminare il problema alla radice” emanando un’ordinanza che impedisce il transito mediante il transennamento della strada.

Se così è, non è dato comprendere per quale ragione, essendo state impiegate risorse pubbliche, non si pretenda che gli interventi siano eseguiti a regola d’arte, qualora ciò non fosse stato fatto. I diritti degli abitanti, invece, sono lesi in maniera evidente.
Inoltre, la chiusura disposta installando delle transenne costituisce un ulteriore pericolo. In caso di trasporto a valle di materiale solido dal torrente, infatti, potrebbe esserci un ulteriore ostacolo rappresentato dalle transenne così facendo da tappo e determinando l’esondazione a carico dei limitrofi fabbricati.

Ben prima delle dimissioni, nonostante il copioso carteggio tra le varie autorità preposte, non vi era traccia di alcun progetto mirato a risolvere il problema. Neanche un tavolo tecnico che consentisse di approfondire la tematica ed elaborare un progetto per porre in essere degli interventi definitivi. Confidiamo che il neo Commissario, –  conclude l’esponente di LiberaME – che sarà da me interpellato sul punto, presterà massima attenzione alla questione che da troppo tempo preoccupa gli abitanti della zona, privandoli del loro fondamentale diritto alla sicurezza».

(125)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ci aspettiamo massima trasparenza

error: Contenuto protetto.