vista panorama dalle vecchie carceri di rocca guelfonia (castello mata-griffones) aperte in occasione de le vie dei tesori 2019 a messina

Messina, Resto al Sud fa tappa a Camaro

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Si chiama “Resto al Sud. La tua strada è il tuo quartiere” ed è l’iniziativa che farà tappa a Messina martedì 5 luglio. La giornata, organizzata da Invitalia, in collaborazione con Fondazione di Comunità, si svolgerà, dalle 16:30, al Centro Polifunzionale della Comunità di Sant’Egidio di Camaro. L’intento è di incentivare l’imprenditoria nei quartieri periferici delle città del Sud.

Resto al Sud, infatti, è un incentivo economico a sostegno di iniziative imprenditoriali e libero professionali. «Obiettivo dell’incontro – si legge nella nota – è coinvolgere la cittadinanza in modo attivo con l’aiuto di istituzioni locali, fondazioni di comunità e associazioni di volontariato, per diffondere la conoscenza di strumenti e agevolazioni pubbliche per stimolare e incoraggiare potenziali imprenditori. L’evento avviene in collaborazione con la Fondazione di Comunità di Messina, accreditata dal 2020 presso Invitalia per l’assistenza ai progetti che intendono candidarsi a Resto al Sud».

Resto al Sud a Messina

A intervenire alla tappa di Resto al Sud a Messina ci saranno: Alessandra Calafiore, assessore alle Politiche Sociali, Liana Cannata assessore alle Politiche Giovanili, Gaetano Giunta segretario generale Fondazione di Comunità di Messina, Andrea Nucita responsabile Comunità di Sant’Egidio Messina, Tiziana Morina responsabile MECC – Microcredito per l’economia civile e di comunione, Giuseppe Glorioso di Invitalia e Marco Morano di Italy Unlocked S.R.L. Impresa Sociale. Alla fine dell’incontro sarà possibile fare degli incontri one to one con gli esperti di Invitalia. A questo link per iscriversi.

Resto al Sud 2022, attività finanziabili

Resto al Sud è l’incentivo che sostiene la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali e libero professionali. Ecco le attività finanziabili:

  • attività produttive nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura;
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone;
  • turismo;
  • commercio;
  • attività libero professionali (sia in forma individuale che societaria).

Resto al Sud: quanto finanzia?

Resto al Sud copre fino al 100% delle spese, con un finanziamento massimo di 50.000 euro per ogni richiedente, che può arrivare fino a 200.000 euro nel caso di società composte da quattro soci. Per le sole imprese esercitate in forma individuale, con un solo soggetto proponente, il finanziamento massimo è pari a 60.000 euro. A supporto del fabbisogno di circolante, è previsto un ulteriore contributo a fondo perduto:

  • 15.000 euro per le ditte individuali e le attività professionali svolte in forma individuale;
  • 10.000 euro per ogni socio fino a un massimo di 40.000 euro per le società.

Il contributo viene erogato al completamento del programma di spesa, contestualmente al saldo dei contributi concessi.

Le agevolazioni coprono il 100% delle spese ammissibili e sono così suddivise:

  • 50% di contributo a fondo perduto
  • 50% di finanziamento bancario garantito per l’80% dal Fondo di Garanzia per le PMI.

Gli interessi del finanziamento bancario sono interamente a carico di Invitalia.

(240)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.