Messina. Panoramica chiusa per una frana fra Fiumara Guardia e Pace

Foto delle transenne che bloccano il traffico sulla Panoramica dopo la franaPanoramica chiusa fra il torrente Fiumara Guardia e il torrente Pace in direzione Messina a causa di una frana, avvenuta poco dopo le 14, in seguito ai brevi piovaschi che hanno colpito, oggi, la zona nord della città.

Sul luogo i mezzi della Protezione Civile, che ha deciso la chiusura del tratto stradale, e alcune volanti della Polizia Provinciale di Messina che si stanno occupando di gestire il traffico veicolare.

Rallentamenti, dunque, per chi dalla zona nord cerca di raggiungere il Centro poiché il traffico è costretto a transitare dalla via Consolare Pompea (Litoranea). Si attendono aggiornamenti circa i tempi di riapertura della strada Panoramica.

(1100)

1 Commento

  • Joker ha detto:

    Come vedete i vigili che fanno la guardia alle transenne in panoramica è il caos più totale sulla consolare Pompea, con tanto di camion della nettezza urbana che raccolgono i rifiuti su quel tratto di strada alle 830 del mattino?
    Ecco, questa situazione e’ lo specchio di come vive la città oggi è di come viene amministrata dai vari dirigenti. Ma può mai essere che a nessuno passi per la testa che lasciare 24 ore chiusa un arteria come la panoramica creasse un caos del genere? Può mai essere che dei vigili debbano stare a GUARDIA di alcune transenne invece di guidare il traffico sulla litoranea?nn si poteva chiudere il senso di marcia inverso sulla litoranea… nn si poteva impedire ai camion della nettezza urbana di raccogliere l’immondizia alle 8 del mattino?….in 24 ore nn si poteva creare un senso alternato sulla panoramica? Tanto già su una strada a doppia corsia abbiamo dei limiti di velocità assurdi (50/40 e addirittura 30). A chi servono a cosa servono questi limiti di velocità? Solo a far prendere multe a piacimento o a convenienza ai poveri cittadini…. e chi ci ripaga di tutte le buche e danni provocati da esse sui nostri mezzi? Sarebbe troppo semplice chiedere le dimissioni dei vertici che stanno gestendo questa situazione. Ma sicuramente si poteva fare MOLTO DI PIÙ.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *