Claudio Cardile (PD) - presidente del consiglio comunale di Messina

Messina, ok dal Viminale al piano di riequilibrio. Cardile: «Fondamentale passo avanti»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Approvata, nell’ultima seduta della Commissione di Stabilità finanziaria per gli Enti Locali, tenutasi al Viminale, la relazione sul piano di riequilibrio finanziario pluriennale 2014-2033 presentato dal Comune di Messina nel 2012 e modificato a più riprese durante le Amministrazioni Accorinti e De Luca. Cosa significa? Che si apre la strada per uscire dall’incubo del default finanziario. Soddisfatto il presidente del Civico Consesso, Claudio Cardile: «Un lavoro estenuante della Giunta, degli Uffici e del Consiglio Comunale, che ci ha visti impegnati per giorni a discutere circa trenta delibere, oltre quella di rimodulazione del Piano di Riequilibrio».

A comunicarlo, nella giornata di ieri, il Sottosegretario al Ministero dell’Interno del MoVimento 5 Stelle Carlo Sibilia: «Il Viminale – ha specificato nel dare la notizia – deliberando l’approvazione del piano di riequilibrio e a seguito dell’eventuale positivo giudizio della Corte dei Conti siciliana, potrà corrispondere, a saldo, fino a 300 euro pro capite per ogni abitante». La palla passa quindi adesso alla Corte dei  Conti.

Commenta così il presidente del Consiglio Comunale, Claudio Cardile: «È con grande soddisfazione che questa Presidenza apprende la notizia che la Commissione Ministeriale ha approvato la Rimodulazione del Piano di Riequilibrio adottato dal Consiglio Comunale il 23/11/2018. Un lavoro estenuante della Giunta, degli Uffici e del Consiglio Comunale, che ci ha visti impegnati per giorni a discutere circa trenta delibere, oltre quella di rimodulazione del Piano di Riequilibrio».

«È ancora vivo – prosegue Cardile – il ricordo della notte del 23 novembre in cui, a qualche minuto della mezzanotte (termine ultimo per l’inoltro dei documenti), il Segretario Generale, con i dipendenti dell’Ufficio Affari di Consiglio, ha trasmesso la delibera di Rimodulazione del Piano di Riequilibrio. Da allora il lavoro all’interno di Palazzo Zanca non si è comunque fermato e l’adozione da parte del Consiglio Comunale di oltre un migliaio di debiti fuori bilancio ha consentito di abbattere notevolmente la massa debitoria a vantaggio del piano di riequilibrio e quindi della sua approvazione da parte del Ministero».

«Un fondamentale passo avanti – conclude il presidente Cardile –, quindi, è stato fatto sul progetto di risanamento economico finanziario dell’Ente che tuttora impegna il Consiglio Comunale su centinaia di proposte di Delibere di Riconoscimento di Debiti Fuori Bilancio».

(297)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.