Messina. La Giunta sposta il pianoforte della Galleria. Alagna: «Non ci arrendiamo»

federico alagna«Non ci arrendiamo così» è immediata la reazione dell’ex assessore alla Cultura Federico Alagna alla decisione presa dall’Amministrazione di spostare il pianoforte della Galleria Vittorio Emanuele al Mercato Muricello.

A motivare la decisione della Giunta, e nello specifico dell’assessore Trimarchi, sembra sia stata una lamentela ricevuta dalla Polizia Municipale lo scorso gennaio: una donna, residente presso il condominio della struttura, aveva inviato un esposto per richiedere la rimozione del pianoforte perché «disturba la quiete pubblica». Nei prossimi giorni lo strumento dovrebbe essere trasferito al Mercato Muricello, ritenuto dall’Amministrazione un luogo più idoneo a ospitarlo.

Ma questa decisione non è andata giù a chi più di tutti aveva voluto che quel pianoforte fosse collocato in Galleria, vale a dire Federico Alagna che, appresa la notizia, ha commentato sulla propria pagina Facebook: «Provo una grande tristezza in questo momento – ha scritto – perché ricordo quello che questo pianoforte ha significato e significa per l’esperienza del nostro Assessorato collettivo, ricordo il gesto di Giusy e Giovanna Bruno, che con amore lo hanno donato alla città, ricordo l’impegno di Giovanni Renzo e di tante/i altri per rendere possibile tutto questo».

Secondo l’Assessore alla Cultura della Giunta Accorinti, decidendo di accogliere la lamentela ricevuta l’attuale Giunta starebbe mettendo il bene del singolo davanti a quello della comunità: «E devo dire – ha continuato in proposito Alagna – che mi disgusta vedere che per questa Amministrazione le richieste e le necessità di una persona (che poi mi incuriosisce questo fatto per cui il disturbo della quiete pubblica in Galleria sia frutto del pianoforte) vengano prima di quelli di una comunità che attorno a questo pianoforte si è ritrovata».

«Ma di certo non ci arrendiamo così – ha concluso. Nei prossimi giorni cerchiamo di difenderlo, tutte e tutti insieme, questo piano per la città. E comunque, credetemi, il punto non è che lo spostino al Muricello. Anzi, bello che ci sia un piano anche lì! Ce ne vorrebbero di più, dovunque».

(284)

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *