Messina, i volontari del Rifugio Don Blasco in piazza per difendere gli animali – FOTO

Sono scesi in piazza – per l’esattezza a Piazza Unione Europea, vista Municipio – i volontari del rifugio Don Blasco. I volontari, infatti, protestano contro il bando emanato dall’Amministrazione Comunale che “mette all’asta” i cani del canile prevedendone il trasferimento nella struttura aggiudicataria tramite l’offerta più vantaggiosa.

«I cani devono restare a Messina – spiegano dal Rifugio. Il randagismo deve essere gestito confrontandosi con volontari assennati e associazioni serie e attive nel territorio, non “deportando” i cani senza tenere conto dei loro problemi di salute, di carattere e della loro età avanzata.»

Una vita in difesa dei cani – la protesta Rifugio Don Blasco

Il bando pubblicato dal Comune di Messina prevede che i cani vengano affidati alla struttura che presenti l’offerta più vantaggiosa. Ma l’iniziativa di Palazzo Zanca non è piaciuta ai volontari che, in attesa di sapere il responso della gara continuano la loro protesta, e aspettano un incontro con l’Amministrazione.

Il bando prevede l’affidamento dell’intero servizio avente la consistenza numerica di 487 posti-cane. L’ordine di attribuzione dei cani agli operatori economici aggiudicatari è:

  • 348 cani presso canile Millemusi gestito dalla Lega Nazionale Difesa Cane;
  • 49 cani presso canile Macaluso, sito a Petralia Sottana (PA);
  • 37 cani presso canile non autorizzato Don Blasco, sito in Messina, via Don Blasco;
  • 53 cani presso canile non autorizzato S. Margherita, sito in Messina, S. Margherita.

Domani, martedì 7 luglio, si dovrebbe procedere con la gara d’asta.

 

(122)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *