Messina. Gioveni: «A rischio l’assistenza igienico-sanitaria per i bambini disabili»

Scuola-Mensa-ScolasticaA partire dal prossimo lunedì 29 ottobre le scuole di Messina potrebbero rimanere senza assistenti igienico-sanitari che si occupino delle esigenze dei bambini disabili. A puntare l’attenzione sulla questione è stato il consigliere comunale Libero Gioveni.

Lunedì 23 ottobre, secondo quanto riportato dall’esponente del PD, la cooperativa che gestisce il servizio di assistenza igienico-sanitaria – diverso da quello di assistenza alla comunicazione – nelle scuole della città dello Stretto, ha ricevuto l‘avviso di licenziamento. Il bando con cui era stato assegnato dell’incarico, infatti, scadrà il prossimo 29 ottobre e, a quanto pare, non è stata prevista alcuna proroga, almeno non ancora.

Il Consigliere, infatti, ha interpellato il dirigente del dipartimento competente, Domenico Zaccone, che, scrive Gioveni: «Ha confermato al sottoscritto di aver informato per tempo codesta Amministrazione della scadenza del bando chiedendo un indirizzo politico che potesse giustificarlo a concedere una proroga del servizio, senza però ottenere il giusto riscontro».

Se la situazione dovesse rimanere invariata, a partire dal prossimo lunedì, quindi, i bambini disabili iscritti alle scuole di Messina potrebbero essere privati di questo servizio per molti di loro essenziale: «Si potrà ben comprendere – sottolinea Gioveni – l’urgenza di avere delle risposte certe, oltre che per i lavoratori, anche e soprattutto per le famiglie di questi ragazzini che necessitano di essere seguiti durante la loro permanenza a scuola».

Per cercare di capire cosa accadrà e come porre rimedio a un eventuale interruzione del servizio, il Consigliere Comunale ha quindi inoltrato al sindaco Cateno De Luca e all’assessore ai Servizi Sociali Alessandra Calafiore un’interrogazione in cui chiede, sostanzialmente: cosa avverrà a partire da lunedì e come si intenda “porre rimedio” a un’eventuale cessazione del servizio; se ci sia o meno l’intenzione di prorogare la scadenza del bando quantomeno fino al 31 dicembre.

La data del 31 dicembre, chiaramente, non è casuale. Libero Gioveni, infatti, nella sua nota, ha fatto esplicito riferimento a questo giorno in quanto «scadenza della gran parte dei bandi dei servizi sociali rispetto ai quali, a seguito del pacchetto “salva Messina”, non è ancora dato sapersi come proseguirà la gestione complessiva di tutti i servizi».

Insomma, quella che si sta cercando, al momento, è quantomeno una soluzione temporanea, nell’attesa di ridiscutere della vicenda una volta che saranno chiare le misure previste dal Salva Messina in merito alla gestione dei servizi.

(115)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *