Foto della fontana di Orione del Montorsoli - Piazza Duomo di Messina

Messina, Fontana di Orione: cercasi operatori economici per le indagini di restauro

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Scade il prossimo 5 settembre l’avviso del Comune di Messina per l’individuazione di operatori economici che dovranno occuparsi delle indagini propedeutiche alla fase di progettazione per il restauro della Fontana Orione di Piazza Duomo. «Il Comune di Messina – si legge nel documento – intende effettuare una indagine di mercato, al fine di acquisire manifestazioni di interesse per la partecipazione alla procedura negoziata di affidamento dei servizi e dei lavori».

Dopo l’accordo, a novembre 2021, stipulato tra la Soprintendenza e il Comune di Messina, adesso si passa alle indagini diagnostiche. L’appalto, quindi, che non prevede nessuna procedura di gara o pre-concorsuale, è «finalizzato – dice ancora il documento – all’espletamento di tutte le attività necessarie alla conoscenza del degrado e alla valutazione della sicurezza sismica della Fontana di Orione».

La Fontana di Orione di Messina

Il recupero della Fontana di Orione di Messina, fontana monumentale realizzata dal Montorsoli nel 1553, è una delle questioni rimaste in sospeso, partita nel 2018. «La necessità primaria – dice ancora l’avviso pubblicato dal Comune di Messina – è quella di individuare le reali cause degli attuali fenomeni di degrado; solo a seguito di questi accertamenti si potranno progettare interventi mirati e localizzati di recupero strutturale e conservazione da effettuarsi in situ.

Considerato lo stato di fragilità materiale e la complessità dell’intera struttura, nonché i numerosi danni e conseguenti interventi ai quali è stata sottoposta dal terremoto del 1908 ad oggi, si propende per indagini non invasive che consentano di accertare nel dettaglio le parti su cui intervenire e la tipologia di operazioni da effettuare evitando i rischi fisici e i consistenti costi dello smontaggio dell’intero monumento».

Le indagini per il recupero della Fontana di Orione

Nello specifico, le operazioni, per il recupero della Fontana di Orione, riguarderanno:

  • esecuzione di saggi e indagini geognostiche, compresi i ripristini, esecuzione di analisi ed
    indagini tecniche;
  • indagini strutturali, indagini e prove geologiche e geotecniche, da eseguirsi o presso la fontana monumentale e/o con restituzione di laboratorio, produzione di elaborati tecnici di riepilogo, sia grafico che descrittivo;
  • rilievo metrico tridimensionale, materico e strutturale degli organismi portanti e portati,
    modellazione strutturale, analisi e verifica strutturale della fontana monumentale modellata
    geometricamente e matematicamente con i dati desunti dalle campagne predette, schede di
    riepilogo e illustrazione delle carenze riscontrate con indicazione dei possibili interventi di
    miglioramento e delle relative stime di massima dei costi.

La procedura scade alle 13:00 di lunedì 5 settembre 2022, a questo link l’avviso completo.

(355)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.