Messina, depositata la variante del PRG: verso snellimento iter per le attività edilizie minime

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Depositata presso la sede palermitana dell’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente, la documentazione relativa alla Variante Parziale all’art 3 delle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G. e al Regolamento Edilizio Comunale (art 23 bis, ter e quater) del PRG, adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 20/02/12 e modificato con Delibera di Consiglio n. 74 del 25/10/12. A comunicarlo, l’assessore alla Pianificazione Urbana del Comune di Messina, Salvatore Mondello.

«Si tratta – ha dichiarato l’Assessore Mondello – di un importante stato di avanzamento delle procedure di settore, un insieme di atti complessi prodotti in un lavoro di sinergia con i tecnici comunali, gli Ordini professionali e le Associazioni di Categoria, che apporteranno un significativo snellimento procedurale di attività edilizie minime, mettendo ordine e chiarendo dubbi da tempo insoluti. Sono molto soddisfatto, in quanto ho potuto riannodare le fila di questioni interrotte a febbraio e che ho potuto riprendere all’indomani del mio insediamento; è una continuità proficua che dà il giusto assetto in un settore vasto e di grande richiamo, necessaria a sostenere un comparto che ci auguriamo possa risalire la china prima possibile. Continuo a sostenere che il buon operato passi dalla giusta dialettica istituzionale, che consente di raggiungere risultati concreti con l’apporto e la collaborazione di tutti, nell’obiettivo unico di servire la comunità, ottimizzando i rapporti con la Pubblica Amministrazione e migliorandone i servizi».

A commentare la notizia, il presidente dell’ordine degli Ingegneri di Messina, Santi Trovato:  «Apprendiamo con sincero entusiasmo – scrive in una nota a nome dell’Ordine – la comunicazione dell’assessore Mondello di aver inviato a Palermo la documentazione necessaria per l’approvazione della variante all’art 3 delle Norme di Attuazione del Prg di Messina. Esprimiamo vivo compiacimento per il riavvio delle procedure che porteranno un risultato significativo allo snellimento ed alla semplificazione del rilascio dei titoli edilizi in particolare per quel che riguarda le cosiddette “opere minori”: tettoie, sottotetti, locali tecnologici, giardini d’inverno a certe condizioni potranno essere sbloccate con procedure più spedite. Confermiamo pertanto a scanso di equivoci, che comunque non ci appartengono, la disponibilità a riprendere il confronto con l’assessore sullo stato, ed attualità, dello schema di massima del PRG oggi agli atti del comune e sull’auspicabile riesame delle pratiche di Condono Edilizio, ferme alcune da oltre 30 anni».

«Ancora più urgente – conclude – è l’avvio di un tavolo tecnico con gli Ordini professionali per il recepimento del Regolamento Tipo Edilizio Unico, pubblicato dalla regione nella GURS del 03/06/2022 e che i comuni possono adottare, con modifiche per adeguarlo alle esigenze e peculiarità dei territori, con delibera di consiglio entro 120 giorni dal 03/06/2022. Ciò anche in relazione all’invio alla regione delle modifiche al regolamento edilizio attuale del comune di Messina che non può ormai prescindere da quello unico regionale, per non fare lavoro inutile».

(108)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.