Messina, De Luca: «Niente Vara 2020 né manifestazioni che possano creare assembramenti»

A Messina niente Vara 2020 né manifestazioni che possano creare assembramenti in contrasto con le disposizioni anti-covid. A comunicarlo è il sindaco Cateno De Luca a seguito di un incontro con il Prefetto Maria Carmela Librizzi e con l’Arcivescovo Monsignor Accolla, che – secondo quanto riportato dal primo cittadino – ha commentato: «Quest’anno lasciamoci tirare tutti quanti dalla Madonna verso Gesù».

Che il 15 agosto 2020 non ci sarebbe stata la processione della Vara a Messina lo si immaginava già da tempo, la necessità di contrastare la diffusione del coronavirus non lo consente. A confermarlo, oggi, è il sindaco Cateno De Luca che aggiunge: «Il Comune di Messina non organizzerà manifestazioni che possano creare assembramenti».

Niente processione con mascherine e distanziamento sociale, quindi, come ipotizzato e proposto dal consigliere comunale Salvatore Sorbello. Nella riunione odierna, invece, è stato condiviso «un sobrio programma incardinato esclusivamente sulle funzioni religiose che si svolgeranno per la ricorrenza dell’Assunta (il 15 agosto, ndr) e che sarà reso noto dall’Arcivescovo».

Nei prossimi giorni – presumibilmente non prima di lunedì – verrà definito e reso pubblico, invece, il programma delle manifestazioni organizzate da Palazzo Zanca che dovranno comunque svolgersi nel “rigoroso rispetto delle norme anti-covid”. Già nei giorni scorsi, infatti, i due esperti di storia di Messina Nino Principato e Franz Riccobono sono stati incaricati di raccogliere idee per organizzare manifestazioni alternative che possano svolgersi nel rispetto delle regole di contenimento del coronavirus.

(1334)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *