Messina, consegnati 14 alloggi di Camaro Sottomontagna alle famiglie in graduatoria

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Oggi – mercoledì 9 dicembre – a Palazzo Zanca sono stati consegnati gli alloggi alle 14 famiglie di Messina in graduatoria di Camaro Sottomontagna. Soddisfatto l’assessore al Risanamento, Salvatore Mondello che parla di un ulteriore passo in avanti per lo sbaraccamento di alcune zone di Messina.

«Altre 14 famiglie – dice l’assessore Mondello – possono quindi dimenticare i lunghi anni di disagi e sofferenze, per affacciarsi ad una nuova vita. Sono quindi lieto di poter affermare con certezza e con estrema soddisfazione, che l’impegno e la sinergia continuano a dare preziosi frutti, in un percorso estremamente accidentato, che rappresenta un’ombra vergognosa per la Città».

Nuovi alloggi per le famiglie di Messina

«Dopo Fondo Fucile, con il Presidente Marcello Scurria e i componenti Alessia Giorgianni e Giuseppe Aveni del CdA di ARISME (Agenzia per il Risanamento di Messina), si tratta di un ulteriore passo avanti – dichiara l’Assessore Mondello – per l’affrancamento dalle baracche.

L’Amministrazione comunale – continua Mondello – procede senza sosta per il raggiungimento di un obiettivo ambizioso quanto difficile da centrare, per il quale non ci stiamo risparmiando, spingendo al massimo in termini di tempo, di corretta gestione dei rapporti interistituzionali e di individuazione di soluzioni.

I meccanismi tortuosi, la resistenza al cambiamento, la carenza di risorse, che abbiamo spesso dovuto rivendicare con forza, hanno da sempre costituito ostacoli che a volte sono sembrati insormontabili, per i quali è stato necessario mettere in campo tutte le energie possibili, senza demordere.

Per questo ringrazio ancora una volta il Sindaco Cateno De Luca e ARISME, con i quali si è costituita una vera e propria task force sul Risanamento, per poter imprimere una svolta determinante, a favore di frange deboli della cittadinanza e del recupero dignitoso di molte porzioni di territorio, sia in centro che in periferia, da sempre dimenticate nel degrado».

(189)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.