Messina. Avviato il restyling di Forte Ogliastri: cos’è stato fatto e cosa si farà – FOTO

intervento di messinaservizi al forte ogliastri di messinaDopo la forzatura del portone scoperta nei giorni scorsi, sono iniziati gli interventi di restyling del Forte Ogliastri, struttura difensiva della città di Messina risalente al 1880. Una volta riparato l’ingresso, Palazzo Zanca ha inviato una squadra per iniziare a rimettere in sicurezza e riqualificare la fortificazione, rimesso a nuovo pochi anni fa e poi nuovamente chiuso al pubblico. L’obiettivo è quello di renderlo nuovamente fruibile nel minor tempo possibile.

Pochi giorni fa l’amara scoperta, qualcuno aveva forzato il portone d’ingresso di Forte Ogliastri per accedervi. Il Comune di Messina ha allora inviato i tecnici per riparare il danno e l’assessore Enzo Caruso si è recato sul posto per valutare la situazione. Oggi le prime immagini degli interventi che dovrebbero consentire di restituire la suggestiva struttura alla città.

 

«Nella qualità di Assessore alla Valorizzazione del Patrimonio Fortificato oggi – ha commentato Caruso – e di colui che ha riportato alla luce gli inediti documenti e la storia della realizzazione del sistema ottocentesco dello Stretto di Messina, portando all’attenzione della comunità scientifica europea la peculiarità delle fortezze del periodo umbertino, inserendolo nella Rete internazionale delle città fortificate, non posso che essere indignato con chi, da amministratore, non ha saputo tutelare il risultato di uno dei restauri conservativi più riusciti e meglio eseguiti negli ultimi vent’anni su una delle opere fortificate dello Stretto».intervento di messinaservizi al forte ogliastri di messina

Quali futuro per il Forte Ogliastri di Messina?

intervento di messinaservizi al forte ogliastri di messinaMa cosa è stato fatto in questi ultimi giorni per recuperare il Forte Ogliastri (già oggetto di ristrutturazione nel 2002)? Una squadra messa su dagli assessori Caruso, Minutoli e Mondello insieme al presidente della V Municipalità Ivan Cutè, al responsabile dell’Ufficio Manutenzione Marco Mancuso e al presidente di Messina Servizi Bene Comune Pippo Lombardo, ha provveduto ai seguenti lavori:

  • la cancellata del fossato è stata ricollocata;
  • la chiusura del portone d’ingresso è stata rinforzata;
  • MessinaServizi ha curato la decespugliazione della Piazza d’Armi e del terreno circostante, fino alle piazzole delle batterie dei cannoni poste sul fronte a mare.

I lavori però non sono terminati e c’è ancora tanto da fare, con l’obiettivo di riaprire Forte Ogliastri e farlo tornare ad essere quel centro di aggregazione sociale e culturale che è stato per diverso tempo. Una volta rimessa in sesto la struttura e l’area circostante, sottolineano da Palazzo Zanca, bisognerà però pensare ad una forma di affidamento che ne consenta la sorveglianza e la fruibilità per attività culturali e inserisca a pieno titolo Forte Ogliastri nel circuito del Sistema Fortificato, «vero attrattore turistico del nostro territorio con le loro spettacolari terrazze sullo Stretto di Messina».

intervento di messinaservizi al forte ogliastri di messina«Ritengo delittuoso – ha concluso Enzo Caruso – non avere a cuore il nostro patrimonio e soprattutto non aver avuto rispetto del lavoro di chi ci ha creduto e dei soldi pubblici che sono stati impiegati. È il destino di questi forti che, costruiti per contrastare i nemici del tempo, non sono riusciti a resistere a quelli più terribili e insidiosi: l’incuria e l’abbandono».

 

(243)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *