Foto di repertorio, polizia ferroviaria di Messina

Polizia Ferroviaria. Più controlli in stazione e sui treni per le feste di Pasqua

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Messina. In vista delle imminenti festività pasquali la Polizia Ferroviaria provvederà ad aumentare la normale attività di controllo per garantire la massima sicurezza in vista del prevedibile maggior afflusso di viaggiatori in ambito ferroviario.

A rendere noto questo incremento dei controlli la Questura di Messina che fornisce, anche, un elenco delle misure applicate:

  • Aumento delle pattuglie in stazione nelle giornate ove è atteso un maggior afflusso di viaggiatori;
  • Potenziamento dei servizi a bordo dei treni, particolarmente quelli diretti verso le principali mete di villeggiatura, città d’arte e località turistiche in genere;
  • Impiego di personale delle squadre di polizia giudiziaria per mirati servizi anti-borseggio, sia in stazione che a bordo treno;
  • Rafforzamento dei dispositivi di pattugliamento lungo le linee ferroviarie.

Nel periodo delle festività pasquali la Polizia Ferroviaria della Sicilia impiegherà in servizi operativi in media 70 operatori al giorno con 11 pattuglie a bordo treno (+83% rispetto a Pasqua 2017) e altrettante lungolinea, assicurando la presenza su 37 treni (+ 218 %).

Alcuni consigli utili a chi viaggia in treno

È bene ribadire alcuni consigli per la propria incolumità:

  • Durante la permanenza sui marciapiedi adiacenti ai binari non oltrepassare la linea gialla;
  • Non attraversare i binari, ma servirsi sempre dei sottopassaggi;
  • Non tentare di salire o scendere quando il treno è in movimento;
  • Durante eventuali soste impreviste del treno lungo la linea ferroviaria seguire le indicazione del personale di bordo.

Per un viaggio sicuro, a tutti coloro che utilizzeranno il treno per i loro spostamenti si ricorda di prestare attenzione al proprio bagaglio, soprattutto durante le fermate del convoglio, ed evitare di lasciare incustoditi i propri oggetti di valore a bordo treno.

Tenere a mente che i “professionisti del furto” tendono a sfruttare eventuali momenti di distrazione (durante la consultazione dei tabelloni orari o l’utilizzo delle macchinette self-service ad es.) ovvero situazioni di assembramento di persone od oggetti (cartoni o abiti) per occultare i movimenti delle proprie mani.

(71)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.