Massimo Temporelli. Da Milano a Messina in bici per raccontare i geni che hanno cambiato il mondo

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Massimo Temporelli, fisico e divulgatore scientifico, ha deciso di cimentarsi in un’impresa non da poco: percorrerà 800km in bici e 400km in treno per arrivare da Milano a Messina e raccontare all’Italia le storie di geni come Marie Curie, Steve Jobs, Leonardo Da Vinci e Albert Einstein.

L’idea di Massimo Temporelli, di attraversare l’Italia in bici (e in treno), nasce dalla volontà di promuovere il suo nuovo libro “F***ing Genius”, edito da Harper Collins e nato dal podcast edito da storielibere.fm. Il viaggio durerà 12 giorni e prevede tappe in 12 città di 8 regioni diverse. Temporelli parteciperà a festival, ma sarà anche nelle strade, nelle aule universitarie, nei teatri, per incontrare il pubblico (in sicurezza) e confrontarsi con scienziati, innovatori, studenti e semplici appassionati di tutta la Penisola.

La partenza di questo “Book Bike Tour” è fissata per il 20 settembre, da Milano (dove parteciperà al Festival Tramedautore al Piccolo Teatro Grassi), mentre la tappa finale sarà l’Università degli Studi di Messina. Qui, il 2 ottobre 2020 Massimo Temporelli incontrerà studenti e docenti nell’Aula Magna dell’Ateneo per presentare il libro “F***ing Genius” in cui ricostruisce le vite di personalità geniali che hanno cambiato la storia.

Protagonisti del volume saranno Marie Curie, Steve Jobs, Leonardo da Vinci, Elon Musk, Albert Einstein, Ada Lovelace, Isaac Newton e Charles Darwin. «Le storie degli otto protagonisti – si legge nella presentazione dell’impresa, il “Book Bike Tour” – sono inframmezzate da piccoli “lampi di genio”, episodi di illuminazioni improvvise, brevi e fulminanti come dei tecnologici racconti zen. Le loro vite non sono soltanto avvincenti ed epiche, ma sono anche un esempio da cui possiamo trarre ispirazione».

Chi è Massimo Temporelli

Nato a Borgosesia, in provincia di Vercelli (in Piemonte), nel 1973, Massimo Temporelli vive a Milano e da 20 anni si occupa di divulgazione scientifica. Racconta al grande pubblico la storia delle innovazioni e delle tecnologie che hanno cambiato le sorti del mondo. Nel 2017 ha vinto il “Federico Faggin Innovation Award” per la Divulgazione Scientifica.

 

(167)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.