Mare Sicuro 2015. Al via il 22 giugno l’operazione della Capitaneria di Porto

Pubblicato il alle

5' min di lettura

Prenderà il via il 22 giugno l’operazione “Mare Sicuro 2015”, curata dal Comando Generale delle Capitanerie di Porto.

L’attività, che si protrarrà sino al 13 settembre, vedrà un’intensificarsi della presenza degli uomini del Comando sia in mare che sui litorali di propria giurisdizione cercando di coprire, per quanto possibile, le località e i giorni di massima affluenza di bagnanti.

Obiettivo principale dell’attività sarà quello di garantire sicurezza nelle spiagge, con particolare attenzione alla salvaguardia della vita umana in mare.

Il servizio di vigilanza in mare vedrà una presenza quotidiana di 4 mezzi nautici dipendenti di cui 3 dislocati presso il porto di Messina e uno presso il porto di Giardini Naxos. Queste unità saranno affiancate dall’ormai consolidata collaborazione con Polizia di Stato e Polizia Municipale che metteranno a disposizione i propri mezzi nautici da inserire nella programmazione delle uscite in mare.

Inoltre, compatibilmente alla proprie esigenze e soprattutto per quanto concerne il soccorso in mare, vi sarà il supporto nautico della Guardia di Finanza e del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.

Anche per quest’anno si potrà contare sull’ausilio fornito dai volontari della Guardia Costiera Volontaria di Messina e di Taormina, della Guardia Costiera Ausiliaria di Giardini Naxos e dal Nucleo Operativo Emergenze Messina che metteranno a disposizione i propri mezzi nautici ed il proprio personale che fornirà un’utile apporto in termini di sensibilizzazione nei confronti dell’utenza al corretto utilizzo delle spiagge e per eventi di soccorso che di volta in volta si prospetteranno.

Inoltre, nei mesi di luglio e agosto, sarà data la possibilità a tali associazioni di poter installare una postazione di pronto intervento presso Capo Peloro negli edifici che prima ospitavano l’Ufficio Locale Marittimo di Torre Faro.

Importante anche l’attività di vigilanza sui litorali che interesserà soprattutto il rispetto delle prescrizioni di sicurezza alle quali dovranno attenersi gli stabilimenti balneari, il censimento ed il monitoraggio degli scarichi fognari in mare e il necessario controllo sulla filiera della pesca dedicata soprattutto alla somministrazione presso ristoranti e centri di ristoro.

L’occasione è stata utile per chiarire alcuni punti sulla sicurezza:nello specchio di mare fino a 200 m dalla costa, l’area è riservata alla balneazione; quest’area è delimitata da boe di colore rosso; per quanto riguarda il diporto, è opportuno ricordare l’assoluto divieto di transito, ancoraggio e sosta all’interno delle aree riservate alla balneazione, ma soprattutto, l’obbligo di utilizzare gli appositi corridoi di lancio per raggiungere la riva; è importante ricordare che la presenza di un subacqueo è segnalata da boe di colore rosso e da bandierine con strisce diagonali bianche su campo rosso; è obbligatorio rispettare la distanza di 100 m da tali segnalazioni, in modo da dare un’adeguata area di sicurezza a chi sta svolgendo attività in acqua; i concessionari (e i comuni negli spazi dedicati alla spiaggia libera) sono tenuti ad organizzare un servizio di salvataggio svolto da personale munito di apposito brevetto, predisponendo un bagnino per ogni 80 metri di litorale.

Per quanto riguarda la regolamentazione delle attività ludico – diportistiche, i provvedimenti, ispirati al principio dell’agire responsabile, oltre a essere vincolanti norme da rispettare, devono essere considerati anche come valide raccomandazioni per vivere in maniera più serena le nostre vacanze estive. La Capitaneria di Porto di Messina ha organizzato dei meeting con gli stakeholders del mare, con la finalità di garantire un ottimale svolgimento dell’attività balneare, chiarendo al meglio quanto previsto nelle nuove ordinanze in materia. Oltre alle disposizioni di sicurezza cristallizzate dai provvedimenti del Comando della Capitaneria di Porto, è dovere rispettare quanto previsto dalla normativa regionale. Per ciò che riguarda l’utilizzo delle spiagge la fascia di 5 m dalla battigia deve essere lasciata sempre libera per il transito delle persone e dei mezzi di salvataggio, sia nelle spiagge in concessione che nelle spiagge libere; l’accesso alla spiaggia attraverso le aree in concessione è garantito a tutti, sempreché non esistano altri accessi pubblici in prossimità all’area concessa, cioè chiunque potrà accedere agli stabilimenti balneari per raggiungere il mare e la spiaggia libera qualora nella prossimità di tali aree non vi siano altri accessi pubblici. Da ricordare infine il divieto di accesso agli arenili di animali di compagnia (cani, gatti, etc.), l’attendamento in spiaggia, il disturbo della quiete pubblica mediante l’effettuazione di giochi con palloni e altri giochi che possono creare fastidio, se non nelle aree a ciò adibite; è vietata la pesca dalla riva nelle spiagge adibite alla balneazione (è consentita la pesca solo dopo le ore 19,00).

Un’ulteriore novità di quest’anno è l’attivazione per tutta la stagione estiva, durante gli orari di ricezione al pubblico e attraverso l’indirizzo e-mail cpmessina@pec.trasporti.gov.it , di un info point presso gli uffici della Capitaneria di Porto di Messina, al quale rivolgere ogni domanda e a cui chiedere chiarimenti per quanto concerne la stagione balneare.

In ultimo è importante ricordare, per le emergenze in mare o in spiaggia, il numero blu della Capitaneria di Porto/Guardia Costiera 1530, al quale sarà possibile rivolgersi 24 ore su 24.

(237)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.