Messina, la Cripta del Duomo 14esima tra i Luoghi del Cuore FAI: la classifica provvisoria

Pubblicato il alle

2' min di lettura

È online la classifica provvisoria dei Luoghi del Cuore FAI 2020 e la Cripta del Duomo di Messina si è posizionata 14esima con 13.376 voti, ma terza in Sicilia. Mancano però ancora alcuni passaggi e i risultati definitivi saranno pubblicati tra febbraio e marzo 2021. Vediamo cosa succede adesso.

Dopo una campagna durata diversi mesi, promossa dal Comitato creato per sostenere il recupero e la riapertura della Cripta del Duomo di Messina, la sfida si è chiusa lo scorso 15 dicembre con un risultato di tutto rispetto. Il tesoro nascosto sotto la Cattedrale si è guadagnato il 14esimo posto in classifica su migliaia di altri posti candidati in tutta Italia. In Sicilia è arrivato terzo. Non abbastanza per guadagnarsi un premio in denaro – che andrà ai primi tre classificati (attualmente la ferrovia della meraviglia Cuneo-Ventimiglia-Nizza, il Castello e Parco di Sammezzano, il Castello di Brescia) –, ma abbastanza da mostrare l’interesse dei messinesi per questo luogo così suggestivo della città dello Stretto.

La classifica, consultabile sul sito del FAI (Fondo Ambiente Italiano), è comunque provvisoria, perché mancano al conteggio i voti inviati in formato cartaceo.  La graduatoria definitiva sarà pubblicata, come si anticipava, tra febbraio e marzo, quindi potrebbe esserci qualche piccolo cambiamento, ma presumibilmente non una scalata verso la vetta. Il Comitato, comunque, si mantiene fiducioso per il futuro della Cripta e sottolinea che l’impegno per il recupero di questo bene culturale così prezioso per Messina continuerà.

In Sicilia, al primo posto si è classificata la via delle Collegiate di Modica, in provincia di Ragusa, mentre la Chiesa Rupestre di San Nicolò Inferiore, sempre di Modica, in provincia di Ragusa, è arrivata seconda.

A raccontarci la storia della Cripta del Duomo di Messina è stato, qualche mese fa, il professor Franz Riccobono, in una puntata della Rubrica di Normanno “C’era una volta Messina”, tra ricostruzione storica e possibilità per il futuro.

(155)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.