pranzo di natale della comunità di sant'edigio a messina

Le opere degli artisti messinesi all’asta per il Natale Solidale della Comunità di Sant’Egidio

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Partita il 12 dicembre, “Artisti per Sant’Egidio” è un’asta benefica a sostegno della Comunità di Sant’Egidio. L’iniziativa benefica è nata dal desiderio del maestro messinese Bruno Samperi di realizzare una mostra con le opere donate da lui e da altri artisti per sostenere le attività della Comunità di Sant’Egidio in favore dei più poveri, in particolare in questo tempo di emergenza, prima sanitaria e  poi economica.

«Sento – dice Samperi – che non possiamo rimanere solo spettatori di ciò che sta succedendo, ma ognuno di noi può fare la propria parte. La mia passione è la pittura e vorrei metterla al servizio della mia città attraverso l’opera instancabile della Comunità di Sant’Egidio».

15 opere in beneficenza

Le 15 opere messa all’asta per contribuire al lavoro della Comunità di Sant’Egidio, sono state realizzate da noti artisti messinesi. Oltre a Samperi, infatti, disponibili le opere di, tra gli altri: Piero Serboli, Aurelio Valentini, Togo, Mantilla, Francesca Borgia. Il ricavato verrà devoluto per le attività del centro polifunzionale e la preparazione del Natale Solidale. (in foto il pranzo di Natale del 2019)

«L’iniziativa del maestro Samperi – dice Andrea Nucità, responsabile della Comunità di Sant’Egidio – ci ricorda che ognuno di noi può dare il proprio contributo, ognuno può sentire come propria responsabilità le difficoltà ed i bisogni degli altri, trovando con creatività e fantasia i modi in cui si può aiutare».

Cosa sta facendo la Comunità di Sant’Egidio

Con la crisi sanitaria dovuta al coronavirus, i centri polifunzionali della Comunità di Sant’Egidio hanno visto progressivamente un aumento delle famiglie, ma anche di persone singole e di anziani soli.

«Spesso disorientati e in cerca di soluzioni concrete – continua Nucita – a problemi come reperire spesa, farmaci, presidi o consulti medici o altre necessità, hanno trovato una risposta di amicizia e solidarietà.

Dall’inizio di Marzo, stiamo assicurando mensilmente un pacco spesa ad oltre 3.000 famiglie in Sicilia, e consegnando circa 500 pasti al mese alle persone senza dimora».

(169)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.