La Villa Mazzini tra degrado e pericoli. Cardile: «Un’area molto frequentata ma “abbandonata”»

Totem in tototastiera totemIl degrado non risparmia neanche la Villa Mazzini. Seconda villa pubblica della città,  «si presenta agli occhi dei visitatori, residenti e non, piena di insidie e di situazioni di incuria». A denunciare la condizione in cui versa questo luogo pubblico di Messina e punto di incontro per i cittadini è il consigliere comunale, Claudio Cardile, che elenca tutte le criticità presenti nello spazio pubblico:  pavimentazione dissestata in più punti; lampioni danneggiati e distrutti o assenti (di pavimentazionemazzinicui è rimasto solo lo scheletro); radici dei ficus che toccano quasi terra al vecchio totem informativo, ormai inutilizzabile.

Quest’ultimo, infatti, costituisce un serio pericolo per i bambini che giocano nell’area poiché — spiega Cardile — «la tastiera è arrugginita e marcia e, inizialmente “incerottata” alla meno peggio per limitare i danni, ora mostra tutti i segni del tempo in pericolosissimi buchi all’interno dei quali è facile, muroacquarioper i più piccoli, introdurre le dita! La parte in plastica a protezione dei monitor è peraltro distrutta e presenta margini taglienti».

Anche le mura esterne dell’acquario comunale sono state “attaccate” dall’incuria:  «“dipinte” di graffiti, con intonachi e rivestimenti cadenti o mancanti da tempo immemore».

L’area è quotidianamente frequentata da decine di bambini e dai turisti che sbarcano dalle navi crociera che devono fare i conti con illuminazione mazzinitale degrado. Cardile chiede, innanzitutto,  la rimozione  del vecchio e ormai pericoloso totem informativo  e interventi manutentivi per ridare decoro alla Villa e all’acquario comunale.

(112)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *