«La raffineria mi uccide e io la denuncio». La rivolta di un cittadino

raffineria1Un’iniziativa che passerà certo alla storia quella di Fortunato Currò, 50 anni, il primo cittadino a presentare una denuncia contro la raffineria di Milazzo, le cui esalazioni mettono in allarme i residenti. «Siamo stanchi di doverci chiudere in casa per sfuggire agli odori nauseabondi emanati dalla fabbrica» protesta Currò. E chiede attraverso i legali Antonio Giardina e Roberto Di Pietro, in sede civile, un risarcimento dei danni, patrimoniali e non, che ammonterebbe a circa 250 mila euro. «Non chiedo solo il risarcimento del danno — aggiunge il cittadino — ma, soprattutto, un’azione inibitoria che faccia cessare questa situazione ormai insopportabile che minaccia il diritto alla salute: chi subisce questo stato di cose, non deve necessariamente accusare una patologia conclamata e accertata da un certificato medico o da una cartella clinica. Gli odori condizionano la vita di ognuno, sia in termini relazionali che di godimento della proprietà privata». Certamente la denuncia di Currò ha fatto da apripista e probabilmente a questa faranno seguito altre azioni intraprese da cittadini ormai stanchi di fare i conti con una realtà problematica e rischiosa. Intanto l’iniziativa di Fortunato Currò ha trovato il sostegno di alcuni tecnici ed esponenti dell’Organizzazione mondiale della sanità,  e sul fronte politico dei Verdi.

(400)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *