In corteo il 16 Marzo: il Movimento No Ponte punta sulla rinascita del territorio

NoPonte1La “Rete No Ponte-Comunità dello Stretto” fa il punto della situazione sugli ultimi rivolgimenti che hanno avuto per protagonista il famigerato Ponte sullo Stretto. Un capitolo che sembrava ormai chiuso dopo il definanziamento definitivo  del 2 marzo e che invece presenta, neanche tanto a sorpresa, nuovi risvolti. In campagna elettorale è stato uno dei temi preferiti da Silvio Berlusconi;  l’Eurolink comunica l’intenzione di voler recedere dal contratto «confessando — afferma la “Rete No Ponte” —, probabilmente, il vero obiettivo : la riscossione delle penali; Impregilo, invece, le penali le inserisce nei bilanci. « Siamo abituati a queste periodiche ripartenze — spiegano —. Tanto che abbiamo imparato a non considerarle come un’anomalia bensì come la norma, come un modello secondo il quale i territori vengono espropriati della loro ricchezza più attraverso l’iter che attraverso la vera e propria realizzazione delle opere».  «È  per questo che abbiamo collocato la nostra critica al Ponte sullo Stretto nell’ambito della più generale opposizione alla politica delle grandi opere, attraverso la quale ingenti risorse sono state trasferite dalle casse pubbliche a poche grandi imprese aggiudicatrici dei grossi appalti, secondo un sistema che, attraverso strumenti come il Project Financing e il General Contractor, ha impedito ai territori di decidere del proprio futuro e ai cittadini di prendere parola». Contro questi progetti e contro questo modello il Movimento No Ponte torna di nuovo in piazza, per chiudere definitivamente la partita del Ponte sullo Stretto e per unire e continuare le lotte per la Rinascita del Territorio. Giovedì 14 Marzo, dalle 10.30, nella Saletta Commissioni di Palazzo dei Leoni, la “Rete No Ponte-Comunità dello Stretto” presenterà alla stampa e ai cittadini tutte le modalità e i perché del Corteo No Ponte che si terrà nel pomeriggio di sabato 16 Marzo. Il Corteo ribadirà la richiesta alla Regione Siciliana di ritirare immediatamente le proprie quote azionarie e il proprio rappresentante in Consiglio d’amministrazione della Stretto di Messina Spa (società concessionaria per la progettazione e costruzione del Ponte sullo Stretto), e chiedere : la soppressione della Stretto di Messina Spa;  il recesso dal contratto con Eurolink  (General Contractor per la progettazione e costruzione del Ponte);  il non riconoscimento di alcuna penale e alcun debito. La protesta contro le Grandi opere proseguirà poi il 23 Marzo in Valsusa per impedire che una nuova linea Tav devasti una valle e il 30 Marzo a Niscemi per revocare e impedire la costruzione del Muos, il sistema d’antenne satellitari ad alto inquinamento elettromagnetico.

(55)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *