In arrivo 10 mezzi e 424 cassonetti per la raccolta rifiuti. Ciacci: «In strada dalla prossima settimana»

mezzi messinAmbiente1Il sindaco Renato Accorinti, l’assessore all’Ambiente Daniele Ialacqua, il commissario liquidatore di Messinambiente, Alessio Ciacci, e l’esperto e consulente dell’azienda, Raphael Rossi, nel corso di una conferenza stampa oggi a Palazzo Zanca, hanno illustrato le novità e le azioni in corso per migliorare il servizio di igiene urbana insieme a ulteriori iniziative.

«Sono in arrivo a Messina — ha dichiarato Ciacci — i nuovi mezzi e cassonetti per migliorare la raccolta dei rifiuti. Si tratta di 424 cassonetti, alcuni già in città e altri in arrivo entro Ferragosto, la cui dislocazione sul territorio comunale inizierà dalla prossima settimana; 2 trattori di autoarticolato e 2 rimorchi per il trasferimento dei rifiuti in discarica che sono già arrivati a MessinAmbiente per diminuire le criticità sul trasporto dei rifiuti ed infine, l’acquisto più importante per migliorare il servizio di raccolta (con le limitate risorse economiche che l’azienda ha potuto dedicare a questi acquisti) sono 6 camion di grande portata a caricamento laterale per la raccolta di cassonetti che arriveranno entro fine mese».

«Grazie alle relazioni costruite negli anni da me e da Raphael Rossi e all’apprezzamento che riscuote il sindaco Accorinti in tutta Italia, siamo riusciti a recuperare — ha spiegato Alessio Ciacci — mezzi e cassonetti usati che altre città del centro Italia hanno dismesso per il passaggio alla raccolta differenziata, ma ancora in buono stato. Entreranno in servizio nei prossimi giorni, 4 fin da subito e 2 dal prossimo mese di settembre dopo la procedura di revisione. È un passo in avanti importante per migliorare il servizio, che non risolve i tanti problemi e le carenze con cui l’azienda si misura ogni giorno e che generano ritardi nella raccolta, ma potranno contribuire, speriamo significativamente, a garantirla in città e nei villaggi con maggiore continuità e costanza. Per completare tale percorso è necessario che anche la Tesoreria comunale rompa gli indugi e riconosca i finanziamenti richiesti e a suo tempo concordatici per consentire di mettere in sicurezza l’azienda e non aggravarne ulteriormente il carico debitorio».

«Questi acquisti — ha proseguito Ciacci — sono stati fatti da MessinAmbiente con risorse proprie, adesso anche il Comune è chiamato a fare la sua parte approfondendo con l’azienda, come abbiamo concordato in Giunta, forme di investimento per il miglioramento del parco mezzi. Da una richiesta di MessinAmbiente si è inoltre avviato un tavolo tecnico per trovare a breve una sede comunale per l’azienda potendo così eliminare alcuni affitti privati e alcune sedi non più adeguate. Facciamo infine appello alla Regione perché si possano sbloccare presto i famosi finanziamenti previsti per l’avvio della raccolta differenziata. Tutti questi acquisti hanno rappresentato, in totale, un costo di circa 400 mila euro, ovvero il corrispettivo poco superiore all’acquisto di un camion nuovo a caricamento laterale. Il costo dei cassonetti è stato accordato per 70 euro ad unità, mentre in passato questo tipo di acquisti ha rappresentato per l’azienda un costo dai 130 ai 600 euro cadauno. In questi giorni sono in corso, infatti, anche altre iniziative avviate in MessinAmbiente per migliorare la disponibilità e l’organizzazione dei mezzi».

«Grazie alla collaborazione con Giuseppe Peschiera, l’azienda Gpd srl ha messo a disposizione gratuitamente alcuni dispositivi Gps. Con questo sistema, che a listino avrebbe avuto un costo di oltre 4500 euro, partirà nei prossimi giorni un monitoraggio giornaliero dei tragitti dei camion e dei loro percorsi per suddividere al meglio le zone di raccolta. Auspichiamo — ha concluso Ciacci —una piena collaborazione dei sindacati che proprio questa mattina incontreremo per confrontarci anche su questo argomento». I

l sindaco Accorinti e l’assessore Ialacqua, nel corso dell’incontro, hanno dichiarato che «questa conferenza stampa è l’occasione per rassicurare la gente che si sta lavorando per uscire dall’emergenza. Conoscete bene però la mancanza di impianti nostri e le problematiche economiche; in tal senso l’avvio della raccolta sarà un punto fondamentale del nostro programma insieme all’obiettivo di diventare autonomi per la discarica. Ci sono sforzi ancora da fare, ma la strada è tracciata. Oggi registriamo che dopo oltre un decennio si è provveduto all’implementazione dei mezzi a disposizione di MessinAmbiente. Presto — ha concluso Ialacqua — sarà indetto un tavolo tecnico con rappresentanti dell’Amministrazione comunale, di MessinAmbiente, di consiglieri comunali e circoscrizionali per condividere suggerimenti, proposte e nuove iniziative».    

(93)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *