“Imprese per Messina” scende in piazza a protestare, Zuccarello: «Il coprifuoco è anticostituzionale»

Il Comitato di Mobilitazione “Imprese per Messina” coordinato da Santi Daniele Zuccarello, del gruppo nazionale Reset Italia, scende in piazza per manifestare contro le azioni messe in campo dal Governo in merito alle nuove manovre economiche pensate per le imprese, aziende e autonomi. La mobilitazione è fissata per sabato 24 ottobre alle 16.30 a Piazza Municipio.

«Si manifesta contro le azioni messe in campo dal Governo – dice Daniele Zuccarello, Presidente di Missione Messina – che stanno abbandonando le Imprese, le Aziende e gli Autonomi, lasciandole morire lentamente.

Alla Manifestazione aderiranno le maggiori Associazioni di Categoria, le Sigle Sindacali e tantissimi cittadini stanchi dei provvedimenti inutili e inefficaci di questo Governo».

Imprese per Messina – la mobilitazione di Zuccarello

All’interno di Reset si muove la delegazione messinese, che sabato 24 ottobre scenderà in piazza, con il coordinamento di Daniele Zuccarello. «La storia insegna – dice Zuccarello in un video sui social – che le rivoluzioni nascono in Sicilia. È il momento di dimostrare anche qui a Messina, che questa non è una “città babba”, che Messina si è stancata di questo Governo, che ci ha messo tutti sotto scacco.

Sta mantenendo uno stato di emergenza sanitaria paragonandolo a uno stato di guerra. Il coprifuoco. Il coprifuoco è anticostituzionale. È il momento di dire basta, di alzare la testa. Per questo, sabato scendiamo in piazza. Sono soddisfatto che sia un movimento trasversale. In tanti, spesso e volentieri dicono di agire e noi adesso stiamo agendo. Il signor Conte si è permesso di limitare le attività, senza tutelare i bar, i negozi, la movida».

Che cos’è Reset Italia?

È il Comitato di Mobilitazione generale per promuovere il totale rinnovamento della classe politica italiana e per favorire il suo rilancio economico, culturale e sociale. «È costituito, nello spirito della Costituzione della Repubblica ed è improntato alla non violenza, alla democrazia e alla partecipazione costante degli aderenti.

Per questo tutte le scelte avverranno ad ogni livello con il sistema delle votazioni online (DOCC – Decisioni Online Condivise e Certificate) in modo che ciascun aderente possa partecipare con la certezza che la sua opinione conti sul serio».

(603)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *