Impianto idropotabile e fognario assenti tra Mortelle e Spartà. Rischi per la salute

acqua«Dissetarsi o lavarsi per i residenti nella zona compresa tra Mortelle e Spartà, rappresenta un gravissimo rischio per la salute». È quanto denuncia il Consigliere comunale Domenico Guerrera in merito all’assenza nella zona di una rete idropotabile e di un impianto fognante. Motivo per il quale lo stesso ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Messina. «Infatti — spiega Guerrera —, l’acqua utilizzata dagli abitanti per fini potabili proviene  da pozzi trivellati senza alcun tipo di controllo». «L’assenza dell’impianto fognante — continua il consigliere — ha obbligato i residenti a dotarsi di pozzi neri, che nella maggior parte dei casi non sono a tenuta stagna, con inquinamento delle falde acquifere sotterranee, che presentano una alta percentuale di colibatteri e colifecali, rappresentando un gravissimo rischio per la salute delle oltre mille famiglie». Ricorda Guerrera che l’Amam, ritenendo l’opera indispensabile per i residenti, ha eseguito uno studio atto a dotare la zona di una condotta idropotabile, attraverso due pozzi di proprietà dell’azienda siti a Casabianca. «Dopo aver espletato tutti gli adempimenti previsti dalle vigenti normative e aver assegnato l’appalto per la realizzazione della condotta all’impresa Todaro, e dovendo eseguire i lavori ai margini della S.S. 113 in data 12-03-2012 — prosegue il consigliere comunale —, ha chiesto all’Anas l’autorizzazione per l’esecuzione dei lavori. Nel mese di Settembre funzionari dell’Anas hanno effettuato il sopralluogo e chiesto integrazioni al progetto, trasmesse in data 09-01-2013. A distanza di oltre tre mesi non si è avuto, però, nessun riscontro». Guerrera chiede, dunque, alla procura della Repubblica di Messina, al commissario Luigi Croce, ad Amam e Anas, ciascuno per le rispettive competenze, di adottare urgentemente i necessari provvedimenti, al fine di garantire ai cittadini un servizio di primaria importanza, «per eliminare — conclude — l’insorgere di malattie ai residenti della zona che sono costretti ad usare acque inquinate estratte da pozzi trivellati adiacenti alle proprie abitazioni».

(62)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *