Il Parco dell’Etna usato come discarica: rifiuti ai piedi del vulcano Patrimonio dell’umanità

Pubblicato il alle

2' min di lettura

A dare la notizia delle mini-discariche abusive del Parco dell’Etna, ai piedi del vulcano siciliano Patrimonio dell’umanità, è il giornalista Turi Gaggegi che, il 29 gennaio su Focus Sicilia, parla della situazione in cui versa l’area. La notizia è stata poi ripresa da un servizio del TGR (il telegiornale regionale della Rai). La giornalista, Eleonora Mastromarino si trova con un tecnico della Protezione civile che, con un drone, riesce a individuare questi luoghi insozzati dai rifiuti. E da qui ritorna la questione della gestione dei rifiuti all’interno dell’area naturale. Dal servizio si vede chiaramente la quantità di immondizia lasciata sul ciglio della strada; «nonostante fosse stata rimossa – dice il volontario della Protezione civile alla Mastromarino, mentre in macchina percorrono le strade del Parco dell’Etna – adesso è di nuovo sporca. Preferiscono lasciare la spazzatura piedi piedi».

Il Parco dell’Etna

A commentare la scoperta delle discariche anche il presidente del Parco, Carlo Caputo. «Il TGR – si legge sul profilo social dell’Ente – tratta l’annosa questione delle micro-discariche ed anche l’Etna non fa eccezione. Occorre racchiudere in un unico ente pubblico le competenze legate a rifiuti e controllo (oggi il controllo in area parco appartiene al Corpo forestale e Vigili, il servizio rifiuti ai comuni). Il Parco dell’Etna nel 2021, attraverso una convenzione con diverse associazioni di volontariato operanti sul territorio, ha provato a garantire un monitoraggio e raccolta “prove” da trasferire agli organi polizia.

Qualche risultato è stato raggiunto e per questo alle associazioni va la nostra gratitudine. Cosa si può fare per incidere maggiormente? Un’ipotesi potrebbe essere quella di trasferire la competenza sui rifiuti proprio al Parco dell’Etna, altrimenti creare un nuovo ente che se ne occupi. La gestione rifiuti in area parco non può essere delegata in maniera frammentata a venti comuni, ognuno competente sulla propria fetta di territorio. Gli enti locali e gli amministratori fanno i conti con non poche difficoltà nella gestione dei propri centri urbani; non riescono a gestire anche un servizio rifiuti in area parco garantendone il controllo contro gli zozzoni, questo è un dato di fatto». (Foto della discarica di Turi Gaggegi).

A questo link il servizio di Turi Gaggegi

(Foto in copertina di Rosario Catania)

(83)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.