green pass per i negozi: l'elenco dei beni primari nel il nuovo dpcm draghi

Green pass per i negozi, multe per gli over 50 non vaccinati: le nuove regole covid dal 1° febbraio

Pubblicato il alle

5' min di lettura

A partire da domani, martedì 1° febbraio, entrano in vigore le nuove regole anti-covid riguardanti l’obbligo del green pass per accedere ai negozi, il cambio di durata per la certificazione verde e le multe per gli over 50 non vaccinati. Non solo. Oggi, 31 gennaio, scadono alcune delle misure disposte nei mesi scorsi, che potranno essere prorogate o meno dal governo nelle prossime ore. In arrivo ulteriori novità per l’uso delle mascherine e per chi ha ricevuto il booster. Ma andiamo con ordine e vediamo cosa cambia dal 1° febbraio, punto per punto.

Nuove regole anti-covid: cosa cambia dal 1° febbraio

Green pass obbligatorio per i negozi dal 1° febbraio

Con il decreto-legge del 7 gennaio 2022, il Governo ha disposto l’obbligo di avere il green pass “base” (che si può ottenere con un tampone negativo o col vaccino) per accedere alla maggior parte dei negozi. Il 21 gennaio 2022, il Premier Mario Draghi ha firmato un nuovo Dpcm con l’elenco degli esercizi commerciali che vendono beni considerati “di prima necessità” o “primari” a cui si potrà accedere anche senza certificazione verde.

I negozi cui si può accedere senza green pass sono:

  • Commercio al dettaglio in esercizi specializzati e non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati e altri esercizi non specializzati di alimenti vari), escluso in ogni caso il consumo sul posto;
  • commercio al dettaglio di prodotti surgelati;
  • commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati;
  • commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati;
  • commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari;
  • commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie, parafarmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica);
  • commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati;
  • commercio al dettaglio di materiale per ottica;
  • commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento.

Il green pass “base” sarà inoltre obbligatorio per accedere pubblici uffici, poste (anche per ritirare la pensione), servizi bancari e finanziari.

Si potrà comunque accedere agli uffici aperti al pubblico delle forze di polizia e delle polizie locali, allo scopo di assicurare lo svolgimento delle attività istituzionali indifferibili, nonché quelle di prevenzione e repressione degli illeciti. Così come si potrà accedere anche senza green pass agli uffici giudiziari e agli uffici dei servizi sociosanitari esclusivamente per la presentazione indifferibile e urgente di denunce da parte di soggetti vittime di reati o di richieste di interventi giudiziari a tutela di persone minori di età o incapaci, nonché per consentire lo svolgimento di attività di indagine o giurisdizionale per cui è necessaria la presenza della persona convocata.

È sempre consentito l’accesso per l’approvvigionamento di farmaci e dispositivi medici e, comunque, alle strutture sanitarie e sociosanitarie nonché a quelle veterinarie, per ogni finalità di prevenzione, diagnosi e cura, anche per gli accompagnatori. Questi ultimi però, per rimanere all’interno delle strutture residenziali, socio assistenziali, sociosanitarie e hospice dovranno aver fatto il booster oppure avere l’esito di un tampone negativo effettuato non oltre le 48 ore precedenti se hanno solo due dosi di vaccino o sono guariti dal virus.

Multe per gli over 50 non vaccinati

Sempre con il decreto-legge del 7 gennaio, il Governo ha stabilito l’obbligo vaccinale per gli over 50. A partire da domani, martedì 1 febbraio, chi ha dai 50 in su e non è vaccinato può incorrere in una multa tra i 600 e i 1.500 euro. Dal 15 febbraio 2022 per i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età sarà necessario il Super Green Pass per l’accesso ai luoghi di lavoro a far data dal 15 febbraio prossimo.

Cambia la durata del green pass

Sempre a partire da domani, martedì 1° febbraio, il green pass da vaccinazione (prima dose da almeno 14 giorni o seconda dose) avrà validità ridotta da 9 a 6 mesi. Il Governo è attualmente al lavoro per estendere, invece, la durata del green pass da terza dose (o booster) in maniera illimitata.

Le nuove regole anti-covid in arrivo

Oggi, lunedì 31 gennaio 2022 scadono le disposizioni che chiudono le discoteche e che rendono la mascherina obbligatoria all’aperto in zona bianca. Nelle prossime ore, quindi, il Governo Draghi dovrà decidere se prorogarle o meno, tenendo anche in considerazione l’andamento dell’epidemia da coronavirus. Al vaglio, inoltre, il superamento della suddivisione delle regioni italiane per colore. L’ipotesi più quotata, attualmente, sembrerebbe essere quella di eliminare le zone dal bianco all’arancione lasciando solo la zona rossa ove necessaria.

(1023)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.