Gli studenti di Messina al Presidente ATM: «Le immagini valgono più di mille parole»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

I ragazzi hanno un grande pregio: nel bene e nel male riescono a dire la verità. E così hanno fatto gli studenti dell’Università di Messina che replicano, con le foto al Capolinea dell’Annunziata, al presidente di ATM Giuseppe Campagna che ieri – lunedì 15 novembre – aveva parlato di «servizio di altissima qualità» rispondendo ai disagi registrati dai ragazzi.

«Il presidente dell’ATM – scrive in una nota l’Unione degli Studenti (UDU) – ha dichiarato non vere le parole degli studenti e delle studentesse che ogni giorno usano i mezzi di cui parla. Il servizio ATM viene definito di altissima qualità, è evidente che, essendone presidente, non può parlar male della sua azienda, ma basterebbe un po’ di onestà intellettuale e di contatto con la realtà per rendersi conto che siamo ben lontani dalla qualità».

Per gli studenti di Messina il servizio di trasporto pubblico è insufficiente

Mentre gli studenti di Messina parlavano di «navette fantasma e tram che molto spesso salta le corse», il Presidente dell’ATM aveva parlato di un servizio di altissima qualità. «L’azienda – aveva detto Campagna – conferma la massima disponibilità al confronto con le associazioni studentesche e la Mobility Manager dell’Università di Messina ed è pronta ad implementare le corse in caso di necessità a fronte di richieste precise e documentate e non per accuse generiche e prive di
fondamento».

«Un servizio di qualità – scrive UDU Messina – prevederebbe abbonamento gratuito per gli studenti, tram in entrambe le direzioni ogni 10 minuti, una copertura effettiva dei villaggi e di tutti i poli universitari con una frequenza sufficiente a non farci arrivare in ritardo a lezione. Non aggiungiamo molto altro rispetto alla nostra prima nota, perché quella è la realtà che viviamo ogni giorno, alleghiamo solo delle immagini, scattate proprio durante la manifestazione di ieri mattina. A volte le immagini parlano più di mille parole».

(405)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.