Giovanna Spatari è la nuova rettrice dell’Università degli studi di Messina

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Giovanna Spatari è la nuova rettrice dell’Università degli Studi di Messina. Questi i dati dello spoglio che si è tenuto nella sede centrale dell’Università, in una sala gremita di professori, studenti e personale dell’Ateneo: 624 preferenze per Giovanna Spatari contro le 555 ottenute da Michele Limosani.

Le prime dichiarazioni della rettrice Giovanna Spatari: «Ringrazio il corpo elettorale che ha voluto concedermi questa fiducia. Ringrazio i numerosi colleghi che mi sono stati vicinissimi in questi mesi e che hanno creduto che questo risultato potesse essere possibile. Garantisco a questa comunità massimo impegno e totale dedizione per il prossimo sessennio. Voglio essere lo strumento che possa garantire a tutti un clima di lavoro sereno e il raggiungimento dei migliori obiettivi possibili per il nostro Ateneo. Dedico l’elezione della prima donna Rettrice di questo Ateneo ad Antonella Cocchiara, Angela bottari e a tutte le altre compagne di viaggio».

Spatari: Università “seconda casa”

Nel suo programma, Giovanna Spatari ha definito le linee guida di quello che è il progetto per l’Università di Messina, sottolineando la necessità di programmare «nuovi percorsi didattici, altamente professionalizzanti, che possano offrire alle migliaia di studentesse e di studenti che hanno riposto in noi la loro fiducia, concrete opportunità di risultato e un pronto inserimento nel contesto lavorativo. La nostra Università dovrà essere per loro una “seconda casa” nella quale sentirsi accolti così da poter coltivare, con serenità, i loro sogni e le personali ambizioni».

Il curriculum di Giovanna Spatari

Giovanna Spatari, Ordinaria di Medicina del Lavoro presso l’Università degli Studi di Messina, direttrice del Dipartimento ad attività integrata dei Servizi, presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria “G. Martino”, componente, in qualità di esperta, della Commissione Consultiva permanente per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, componente del Comitato tecnico-scientifico dell’INAIL, Presidente della Società Italiana di Medicina del Lavoro, delegata nazionale della Federazione Italiana Società Mediche (FISM) per i temi di genere.

Titolare, in qualità di responsabile scientifico, di progetti di ricerca di interesse nazionale e coautrice di documenti di indirizzo e linee guida operative per l’attività dei medici competenti. Relatrice, su invito, a seminari e workshop di carattere scientifico e ad eventi di divulgazione sociale organizzati da enti ed istituzioni pubbliche e private sui temi della tutela della salute dei lavoratori, della promozione della salute, della parità di genere. Referente regionale dell’Osservatorio Nazionale sulla Salute delle Donne (ONDA).

(1103)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.