Giornata mondiale dei bimbi nati prematuri: la Fontana Senatoria s’illumina di viola

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Anche Messina ha deciso di partecipare alla Giornata mondiale della prematurità 2021. Palazzo Zanca ha deciso che oggi, mercoledì 17 novembre, la Fontana Senatoria situata a Piazza Unione Europea si illuminerà di viola per sostenere l’iniziativa internazionale, arrivata alla sua tredicesima edizione.

Per quest’anno, il motto della Giornata mondiale dei bimbi nati prematuri si concentra sulla zero separation: «Agiamo adesso. Non separare i neonati prematuri dai loro genitori». Il colore scelto per la Giornata è il viola e sarà presente in tutte le altre regioni d’Italia, oltre che in Sicilia.

«Il Comune di Messina – spiega l’assessore alle Politiche Sociali Alessandra Calafiore – ha aderito all’iniziativa a carattere mondiale per manifestare la nostra vicinanza alle famiglie che hanno figli nati prematuri e si trovano ad affrontare un evento improvviso e inatteso. Con il colore viola della Fontana Senatoria l’Amministrazione comunale intende dare un segnale per sensibilizzare i cittadini su una tematica importante e particolare come il parto pre-termine».

Giornata mondiale della prematurità 2021: i dati in Italia

Nel mondo per ogni dieci bambini, uno nasce prematuro. I dati in Italia mostrano che i bimbi prematuri rappresentano il 6,9% delle nascite totali, quasi 32 mila all’anno. Da quando è iniziata la pandemia, la percentuale è aumentata, con l’11% di mamme positive al virus.

«Soprattutto in un momento come questo – continua l’Assessore – è indispensabile prendersi cura delle famiglie che hanno un neonato ricoverato alla nascita in terapia intensiva neonatale, in quanto l’emergenza sanitaria da Covid-19  ha reso ulteriormente difficile la loro vita. La presenza dei genitori nei reparti di terapia intensiva neonatale è fondamentale per i neonati prematuri e con le dovute precauzioni deve essere garantita anche durante questo periodo soggetto a restrizioni per le visite nei reparti ospedalieri».

(43)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.