Gennaro Cortese ospite su Rai Uno: racconta le sue 6 lauree prese all’UniMe

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Ha 71 anni, ha avuto un passato da atleta e ha 6 lauree. Lui è Gennaro Cortese e lo scorso 25 dicembre è stato ospite su Rai Uno nella trasmissione “Italia Sì!” condotta da Marco Liorni. Gennaro Cortese, calabrese di origine, è stato dirigente Telecom e presidente del coordinamento quadri dell’azienda per Calabria e Sicilia.

A ottobre ha conseguito la sua sesta laurea in Sociologia e ricerca sociale presso l’Ateneo di Messina, con una tesi sulla comunicazione politica e il ruolo dei social media. Questo titolo, si aggiunge alle altre 5 lauree prese da Gennaro Cortese sempre all’Università di Messina: Scienze della Comunicazione, Teorie della comunicazione e dei linguaggi, Scienze Cognitive, Scienze Pedagogiche e Filosofia contemporanea.

Il plurilaureato Gennaro Cortese

«Il suo viaggio nel mondo della conoscenza – si legge nella nota dell’UniMe – è nato quasi per caso, a seguito di una “sfida” per dimostrare che non è mai troppo tardi per realizzare le cose che si desiderano. Non potendo intraprendere un percorso universitario, dopo il diploma fu costretto ad abbandonare gli studi e la propria terra per recarsi a Milano, dove ottiene un posto in fabbrica e svolge il servizio militare senza però mai abbandonare la sete di conoscenza.

Insieme al conduttore della trasmissione, Marco Liorni, Gennaro Cortese ha ripercorso alcune tappe della propria straordinaria storia, tracciando in particolare un caloroso ricordo del papà, perso all’età di 13 anni ed al quale ha così dedicato la prima laurea: “A mio padre, un uomo meraviglioso. Tutto ciò che ho realizzato nella mia vita è stato, sempre, grazie al suo paterno aiuto”.  Il Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, nel complimentarsi con il dottor Cortese per il conseguimento di ben 6 lauree ha sottolineato l’importanza del sapere e della vivacità culturale, caratteristiche fondamentali per realizzare i propri sogni a qualunque età».

Per rivedere la puntata clicca qui.

(397)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.