Foto della struttura ex Seaflight in riva allo Stretto di Messina

Ore contate per l’ex Seaflight: entro gennaio la demolizione

Pubblicato il alle

2' min di lettura

La demolizione dell’ex Seaflight era una delle promesse del Sindaco De Luca. Dopo l’ultima conferenza dei servizi, che si è tenuta ieri a Palazzo Zanca, sono state finalmente fissate le scadenze per l’eliminazione dell’ecomostro che si trova ai piedi del Pilone.

Alla riunione hanno partecipato il Sindaco, gli assessori Salvatore Mondello, Dafne Musolino e Massimiliano Minutoli, il dirigente Francesco Ajello, il Rup Salvatore Arena.

La prima occasione il Sindaco ha parlato della demolizione dell’ex Seaflight è stata la riaccensione del Pilone di Torre Faro. Durante la cerimonia il Primo cittadino aveva promesso: «Il Pilone deve tornare al più presto fruibile. Calato in questa schifezza alle mie spalle: scaduti i 30 giorni il Comune deve avere i soldi per demolire la struttura. Ci vogliono 300mila euro».

Di giorni ne sono passati quasi 80, in attesa di una risposta dalla Regione a seguito dell’Ordinanza sindacale in cui si chiedeva al Demanio Marittimo l’attuazione di attività finalizzate alla demolizione del manufatto, entro la scadenza fissata. Da allora nulla di fatto.

Questo è il motivo per il quale è stato deciso di intervenire autonomamente. Il primo passo è stata la definizione del crono-programma delle scadenze per la demolizione dell’ex Seaflight:

  • 5 novembre – emissione Ordinanza Sindacale per il divieto di accesso dell’area;
  • 28 novembre – affidamento del servizio di caratterizzazione dei rifiuti presenti nel sito;
  • 28 gennaio 2020 – affidamento lavori di demolizione, comprensivo dello smaltimento dei rifiuti del manufatto o delle parti pericolanti.

 

(620)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.