Emergenza sangue, Avis Messina: «Donate per i vostri concittadini»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

La carenza di sangue diventa una vera emergenza durante il periodo estivo, proprio per questo le associazioni scendono in campo e invitano i cittadini a donare. Dopo la campagna di sensibilizzazione lanciata da Fasted Messina Onlus, che si occupa nello specifico di persone affette da talassemia, arriva anche l’Avis Messina con la campagna “La patente della vita”.

«Su tutto il territorio messinese – scrive in una nota il Presidente dell’Avis Messina, Basilio Buttà –, mancano otto mila sacche di sangue l’anno. D’estate, inoltre, il problema assume contorni drammatici. In queste settimane caldissime, infatti, Messina non riesce a raggiungere l’autosufficienza; quella condizione grazie alla quale si riesce a far fronte alle reali necessità, dovute ad esempio agli interventi chirurgici o a quei pazienti, come i malati di talassemia, che hanno bisogno di trasfusioni periodiche e
continue».

Emergenza sangue Messina

Per fronteggiare l’emergenza sangue, l’Avis Messina donerà un foglio rosa a tutti i volontari sprovvisti di patente A o B. «Chiedo a tutti i volontari, soprattutto a chi non a mai donato, – continua Basilio Buttà – di compiere un gesto d’amore verso il prossimo e venire all’Avis. Il mio appello accorato è rivolto sia ai neo diciottenni che agli adulti. Perché anche solo una sacca di sangue in più contribuisce a salvare la vita di un nostro concittadino».

Raccolta sangue

Per le donazioni di sangue è possibile andare all’Avis Messina, in via Ghibellina 150:

  • da lunedì a sabato, dalle 07:00 alle 11:00.

La sede sarà aperta anche domenica 7 agosto, come ogni primo weekend del mese.

Per donare bisogna avere:

  • un’età compresa tra i 18 e i 60 anni; è possibile continuare a donare fino al compimento del 65° anno d’età e fino al 70° anno previa valutazione del proprio stato di salute;
  • peso non inferiore ai 50 kg, in buona salute;
  • l’idoneità alla donazione del sangue viene stabilita da un medico mediante un colloquio, una valutazione clinica e una serie di esami di laboratorio previsti per garantire la sicurezza del donatore e del ricevente.

A questo link per maggiori informazioni.

(75)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.