Emergenza incendi in Sicilia, la Protezione Civile ringrazia Caronte&Tourist per il supporto

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il Capo della Protezione Civile siciliana, Salvatore Cocina, ringrazia il Gruppo Caronte&Tourist per il supporto logistico offerto durante l’emergenza incendi in Sicilia. Il presidente del Gruppo C&T, Olga Mondello Franza: «Abbiamo solo fatto la nostra parte. Da voi grande prova di efficienza e professionalità».

«Sento il dovere istituzionale – scrive in una nota Salvatore Cocina, capo del Dipartimento Regionale della Protezione Civile della Regione Siciliana, inviata al presidente del Gruppo Caronte & Tourist – di porgere sentiti ringraziamenti, a nome di tutto il sistema regionale di Protezione Civile, per la fattiva collaborazione prestata per il passaggio dei numerosi volontari e dei mezzi provenienti dalle regioni del nord. Avete così consentito il libero, gratuito ed agevolato transito delle Colonne Mobili Regionali di Protezione Civile che ci hanno supportato con perizia e impegno durante il periodo dell’emergenza incendi. Tale vostra sensibilità, peraltro già manifestata in occasione dell’emergenza Covid vi inserisce a pieno titolo nel sistema nazionale di Protezione Civile, e consente a noi di poter continuare a contare sul vostro sostegno».

«Abbiamo solo fatto la nostra parte – scrive in risposta il presidente del Gruppo C&T. Che ha voluto a sua volta ringraziare «i volontari, i tecnici e tutti coloro che sotto il puntuale e sapiente coordinamento della Protezione Civile hanno generosamente e duramente lavorato per limitare i danni causati dalla irresponsabile e criminale azione di persone o gruppi organizzati che non amano la Sicilia».

Lo scorso 2 agosto, non appena decretato lo stato di mobilitazione del Servizio Nazionale della Protezione Civile in conseguenza della gravissima emergenza incendi in Sicilia, Caronte & Tourist aveva immediatamente messo a disposizione le proprie navi e predisposto una corsia preferenziale a Villa San Giovanni per facilitare l’imbarco dei 130 volontari e dei 58 mezzi al seguito provenienti da Emilia Romagna, Friuli, Lombardia, Piemonte, Veneto, Provincia autonoma di Bolzano e Provincia autonoma di Trento.

(33)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.