Destinazione scuola “Trimarchi”: le soluzioni di Vaccarino e Barresi

Mario BarresiSi prospetta un futuro incerto per gli studenti della scuola elementare “Trimarchi”, che, a tutt’oggi, non sanno in quale plesso scolastico si svolgeranno le lezioni il prossimo anno. A farsi portavoce di questa situazione e a chiedere quale soluzione si stia progettando sono Benedetto Vaccarino, consigliere comunale (Pd), e Mario Barresi, consigliere della 3ª circoscrizione (Pd).

“Per il prossimo anno scolastico 2015/2016 – scrivono i Consiglieri −  la scuola elementare Trimarchi, situata nell’ex zona Zir, non verrà più ospitata negli attuali locali di proprietà di Terzi. Il Comune di Messina, infatti, per evitare probabilmente il gravoso canone di locazione ha deciso di trasferire gli alunni e tutto il personale”.

“Tutto lecito e normale – chiariscono Vaccarino e Barresi −, se non fosse per il fatto che ancora gli alunni, gli insegnanti e tutto il personale non  conoscono il luogo dove dovranno recarsi per l’imminente anno scolastico”.

“Si ricorda, inoltre – proseguono −, che nelle vicinanze vi sono degli edifici di proprietà del patrimonio comunale, che sono da anni dismessi e che potrebbero ospitare la scuola Trimarchi. Sarebbe, pertanto, una buona occasione quella di investire la somma spesa per un anno di locazione per la ristrutturazione di edifici come l’ex scuola Nicholas Green di Valle degli Angeli o l’Autoparco Municipale di Via Bonino, operazione, che nel tempo potrebbe dare sollievo alle casse comunali”.

“Un’altra soluzione – concludono Vaccarino e Barresi −, potrebbe essere quella di riconvertire alla sua vocazione naturale nuovamente l’edificio dell’ex Carlo Meo (attuale sede della Lelat), stabile peraltro già ristrutturato e pronto per attività scolastiche, non prima ovviamente di avere trovato una soluzione consona ed efficiente per la stessa Lelat”.

(328)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *