Delfini, pesci e tartarughe: i bimbi del Policlinico di Messina avranno un secondo murales

Secondo traguardo per Ospedali Dipinti che regalerà ai bimbi del Policlinico di Messina un secondo murales dedicato, questa volta, al mare. Delfini, tartarughe e pesci di mille colori ravviveranno le pareti del pronto soccorso pediatrico e dell’ingresso della struttura.

La raccolta fondi lanciata su Eppela da Ospedali Dipinti e dall’associazione ABC – Amici dei Bimbi in Corsia nelle scorse settimane è stata, quindi, un successo e ha portato a superare la quota di 20mila euro. Questo secondo traguardo permetterà al pittore Silvio Irilli, ideatore del progetto, di trasformare pareti del pronto soccorso pediatrico e dell’androne d’ingresso in un grande acquario pieno di pesci, piante e animali marini di tutti i tipi.

L’ultimo slancio, utile a tagliare il traguardo prefissato, è arrivato dal Gruppo Caronte & Tourist che ha raccolto una importante somma con eventi sui traghetti, per poi destinarla ad ABC.

Ma, come anticipato, questo è il secondo traguardo raggiunto da Ospedali Dipinti per il Policlinico “G. Martino” di Messina. Già a settembre scorso era stata avviata una prima campagna di crowdfunding che aveva portato a raccogliere una somma considerevole e a finanziare la realizzazione del murales “L’isola del sorriso nella sala d’attesa del reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale.

Entrambi i murales verranno realizzati a fine febbraio.

«Sono felice ed emozionato – ha commentato Irilli – perché la risposta delle persone è andata al di là di ogni più rosea aspettativa e ora si può davvero entrare nel vivo di questo progetto. Non posso che ringraziare l’Associazione ABC per aver coinvolto in modo esemplare e con entusiasmo le aziende locali, le persone e tutti coloro che hanno creduto in questa iniziativa. Ognuno ha dato il proprio contributo per raggiungere le somme necessarie a realizzare le opere che cambieranno il volto del reparto di neuropsichiatria e del Pronto Soccorso Pediatrico, per aiutare i bimbi in un momento difficile della loro vita».

Più che soddisfatto è anche Nino Abbate, presidente dell’associazione ABC«Il risultato è andato ben oltre le aspettative grazie al sostegno della città di Messina, dell’Azienda Policlinico, delle scuole e di tutti coloro che hanno voluto partecipare alla realizzazione del nostro sogno. Siamo davvero felici che un’opera di questa portata possa essere realizzata nella nostra città».

Sulla stessa lunghezza d’onda appare anche il direttore generale del Policlinico, Giuseppe Laganga: «Siamo orgogliosi – ha dichiarato – di avere dato l’input a questa seconda fase dell’iniziativa, che ci ha permesso di raggiungere un traguardo ancora più ambizioso. Anche stavolta mi preme sottolineare come il territorio abbia risposto in maniera significativa e ringraziare tutti per il supporto fornito».

«L’area dei servizi pediatrici – ha sottolineato infine il direttore sanitario del Policlinico, Antonino Levita – rappresenta un ambito particolarmente delicato, perché (qui più che altrove) le sofferenze dei piccoli pazienti si sommano con quelle dei loro cari. Potere garantire un reparto “misura di bambino”, così come avverrà grazie a Silvio Irilli, non costituirà soltanto un semplice arricchimento estetico. Grazie al sostegno di ABC, del personale dell’AOU e, soprattutto, alla generosità di tutti coloro i quali hanno supportato il progetto, avremo la possibilità di realizzare un ambiente molto differente rispetto a quelle che sono le tradizionali logiche delle strutture sanitarie. Ciò avrà sicuramente delle ricadute sotto il profilo psicologico dei pazienti e potrà anche contribuire all’aspetto terapeutico».

(156)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *