Creare un modello di valida accoglienza turistica. Ci pensa “Messina Progetto Arte”

turista_800_800Nonostante la vocazione prettamente turistica del territorio messinese, le prime immagini che hanno i turisti quando sbarcano in città sono a dir poco indecorose. L’Associazione “Messina Progetto Arte”, per risolvere la questione, vuol puntare sulla predisposizione di un nuovo modello di accoglienza turistica che nasca dalla concertazione e dalla partecipazione di tutti i soggetti coinvolti e si concluda con la presentazione del progetto collettivo alla Regione, affinché faccia la sua parte rispondendo alle legittime istanze che provengono dallo Stretto.

In quest’ambito, lunedì 18 maggio, alle 18.30, all’hotel “Sant’Elia” si terrà un tavolo tecnico promosso da “Messina Progetto Arte”, con il patrocinio dell’Ars, al quale parteciperanno le associazioni di categoria e gli operatori del settore, consiglieri comunali e di circoscrizione, per elaborare una proposta che tenga in considerazione tutte le potenzialità del territorio.

L’obiettivo finale è quello di riuscire a sfruttare le nostre risorse territoriali e creare una cultura dell’accoglienza, al momento inesistente.

«Se l’assenza di servizi minimi è già un disagio per gran parte dei turisti – si legge in un comunicato dell’Associazione –, la situazione diventa drammatica per i turisti disabili che al di là di pochi scivoli presenti sulla cortina del porto e in alcune vie centrali, non possono godere del nostro patrimonio artistico e culturale. Altrettanto poche, ad oggi, sono le iniziative pubbliche e private in favore del settore, catalogando la provincia di Messina tra le poche realtà nazionali che non hanno dedicato attenzione allo sviluppo del comparto turistico ed alberghiero. Smantellata la Fiera Internazionale, che in passato rappresentava l’unica timida realtà per la realizzazione di eventi di promozione ed europeizzazione delle produzioni locali, anche la Camera di Commercio rischia un’analoga fine».

Relatori del tavolo tecnico del 18 maggio saranno il presidente dell’Associazione “Progetto Arte”, Giuseppe Scattareggia; l’avvocato Manuela Calbo del Movimento Liberi Insieme, il vice coordinatore Mli, Dino Smedile; l’esperto del Comune, Filippo Grasso; il presidente del IV quartiere, Francesco Palano Quero.

Quanto emergerà dal tavolo tecnico diventerà la base della proposta da portare all’attenzione dell’Ars e sarà al centro del convegno che si terrà il  prossimo 25 maggio, sempre all’hotel “Sant’Elia”.

(470)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *