vaccini nelle case di cura in sicilia

Covid, vaccini nelle case di cura private in Sicilia: siglato l’accordo

Pubblicato il alle

1' min di lettura

In Sicilia anche le case di cura private potranno diventare centri per la somministrazione dei vaccini anti-covid, fino a un massimo di 80 dosi al giorno: è quanto stabilito dall’accordo siglato tra il presidente della Regione e l’Aiop Sicilia (Associazione Italiana Ospedalità Privata), rappresentata da Marco Ferlazzo, per aumentare il numero di centri vaccinali dell’Isola. Vediamo come funzionerà.

L’accordo non comporta alcun costo aggiuntivo per la Regione e prevede che siano le Case di cura ad occuparsi degli aspetti logistici e sanitari (personale, locali, frigoriferi) necessari ad accogliere quanti vorranno ricevere il vaccino, mentre saranno le singole Asp territoriali ad assicurare l’approvvigionamento e la consegna dei vaccini anti-covid.

Inoltre, le Case di cura che prenderanno parte alla campagna vaccinale in Sicilia dovranno mettere a disposizione un “team” composto almeno da un medico, un infermiere e un amministrativo. I membri della squadra dovranno essere tutti già vaccinati. Il personale sarà fornito dalle Asp (nel nostro caso, l’Asp di Messina). Per quel che riguarda, infine, i criteri con cui si somministreranno i vaccini, l’indicazione è di seguire le priorità e i target stabiliti dal Piano vaccinale. Man mano che le strutture private decideranno di aderire compariranno tra le opzioni presenti sulla piattaforma telematica per le prenotazioni della Regione.

(51)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.