tracciamento covid dell'ufficio per l'emergenza di messina

Covid Messina, prosegue il tracciamento: in media 370 contatti telefonici al giorno

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Continua l’attività di tracciamento da parte dell’Ufficio per l’Emergenza Covid di Messina che ha raggiunto una media di 370 contatti telefonici al giorno, per un totale di 2.220 a settimana. Il contact tracing, eseguito da un team di 60 psicologi e psicoterapeuti serve, da un lato, a limitare i rischi di focolai, dall’altro, ad offrire un supporto alle persone contagiate dal coronavirus.

La squadra opera dal 4 gennaio 2021 presso la sede degli uffici commissariali al Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Messina con l’obiettivo di tracciare i contatti delle persone positive al coronavirus e prevenire così il diffondersi e la formazione di focolai. Come si anticipava, il compito è però affidato ad un team di psicologi e psicoterapeuti che, oltre a raccogliere le informazioni necessarie al contact tracing tramite un apposito questionario, si occupano di favorire una comunicazione in grado di gestire l’ansia e la paura dovute all’infezione, ma anche di cercare di alleviare le sofferenze emotive dei soggetti risultati positivi.

A titolo esemplificativo – spiegano dall’Ufficio per l’Emergenza –, grazie a questa attività, negli ultimi 7 giorni è stato scongiurato il pericolo della creazione di due grossi potenziali focolai in un importante supermercato cittadino e al terminal di arrivo degli aliscafi.

Come funziona l’attività di tracciamento dell’Ufficio Emergenza Covid di Messina

Per il tracciamento, i membri del team seguono un protocollo specifico redatto dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e sottopongono le persone risultate positive ad un’apposita scheda d’inchiesta con l’obiettivo di ricostruire i loro spostamenti e le loro attività nel periodo in cui erano già infette (includendo il periodo di incubazione dei 14 giorni). In questo modo, si cerca quindi di “tracciare” tutte le persone – tra familiari, amici, colleghi di lavoro, operatori sanitari – con cui il soggetto in questione ha avuto un contatto diretto senza l’utilizzo dei dispositivi di sicurezza o non senza rispettare la distanza minima per un tempo prolungato.

Al termine dell’attività di indagine, si procede a stilare un elenco con i nominativi delle persone coinvolte. Queste vengono quindi contattate ed informate dell’avvenuta interazione con un soggetto positivo al Covid-19. Inoltre, vengono comunicate le misure da adottare per arginare il rischio di contagio. Conclusa la telefonata di intervista, la scheda viene inviata tramite e-mail al paziente e, per conoscenza, al suo medico di medicina generale e al distretto sanitario di appartenenza, quale ricevuta informativa del colloquio effettuato.

Il supporto psicologico

L’attività dell’Ufficio per l’Emergenza Covid a Messina ha però anche l’obiettivo di limitare i disagi psicologici delle persone positive o entrate in contatto con un positivo. Alla prima telefonata di intervista, quindi, fa seguito, a distanza di qualche giorno, una seconda telefonata mirata all’ascolto dei bisogni e al supporto psicologico per gestire la fase di isolamento e, se necessario, iniziare un percorso di presa in carico del soggetto per prevenire l’insorgenza di psicopatologie.

«Questo procedimento – spiegano dall’Ufficio per l’Emergenza Covid –, grazie alla costituzione di un gruppo di coordinamento – costituito dalla Dott.ssa Edda Paino, Medico esperto di Prevenzione ed Epidemiologia, e dalla Dott.ssa Marinella Ruggeri, Medico esperto nel campo delle Neuroscienze e della psiche – si propone l’obiettivo di passare dal caso positivo inteso come dato numerico, alla presa in carico della persona, restituendole il suo valore e la sua dignità.

(717)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.