Coronavirus. Nuovo modulo di autocertificazione: cosa cambia e come scaricarlo

È online il nuovo modulo di autocertificazione degli spostamenti, pubblicato il 17 marzo, che chi si muove per le città italiane, e quindi anche per Messina, deve esibire se fermato dalle forze dell’ordine. Il Ministero dell’Interno, infatti, ha disposto alcune modifiche al vecchio documento. Vediamo cosa è cambiato e dove scaricarlo.

A seguito del decreto dell’8 marzo del presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, che rendeva sostanzialmente tutto il Paese “zona protetta”, gli spostamenti sul territorio e nelle città sono stati fortemente limitati. Per assicurare il rispetto delle regole, chi ha necessità di uscire di casa per comprovati motivi di salute, di lavoro o altre esigenze improrogabili deve avere con sé il modulo in modo da poterlo compilare alla presenza dell’operatore di polizia una volta fermato.

«Il nuovo modello – spiegano sul sito del Ministero dell’Interno – prevede anche che l’operatore di Polizia controfirmi l’autodichiarazione, attestando che essa viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dall’onere di allegare all’autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità».

All’interno del nuovo modulo di autocertificazione degli spostamenti è compresa una nuova voce da spuntare: l’interessato deve, infatti, autodichiarare di non essere sottoposto alla misura della quarantena e di non essere risultato positivo al virus COVID-19 (coronavirus).

Link per scaricare nuovo modulo autocertificazione

Il nuovo modulo di autocertificazione degli spostamenti è scaricabile in PDF direttamente a questo link che collega al sito del Ministero dell’Interno.

(1242)

1 Commento

  • Giuseppe ha detto:

    Proprio oggi ho posto un quesito alla Prefettura, sono in attesa di risposta. Nel nuovo modulo devo dichiarare di non essere positivo al covid19. Ma se non sono stato sottoposto al tampone come posso rilasciare una dichiarazione del genere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *