Coronavirus. Nello Musumeci: «Sospese le gite scolastiche da e per la Sicilia»

«Abbiamo sospeso le gite scolastiche da e per la Sicilia». Ad annunciarlo è il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, durante la conferenza stampa che si è tenuta al Palazzo della Regione a Catania sull’emergenza Coronavirus. «Questa scelta determina una ricaduta sul piano del turismo scolastico – spiega Musumeci – ma il diritto alla salute arriva prima di ogni altro interesse».

Gli studenti siciliani, quindi, dovranno rinunciare alle gite scolastiche ma si tratta, in questo momento, di una decisione necessaria per garantire la sicurezza dei ragazzi. 

E proprio domani il Presidente della Regione volerà a Roma per prendere parte alla seduta dell’Unità di crisi nazionale sul Coronavirus, aperta a tutti i presidenti delle Regioni e presieduta dal premier Giuseppe Conte. «In quella occasione – prosegue Nello Musumeci – rappresenteremo le nostre preoccupazioni legate soprattutto agli arrivi nei porti, negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie».

Per il Governo siciliano, quindi, è di fondamentale importanza potenziare le attività di controllo sui passeggeri in arrivo in Sicilia. E il provvedimento di sospensione delle gite scolastiche non può essere l’unica strada. «Non tutti i controlli sono stati effettuati in maniera oculata – dichiara il Presidente della Regione. Ci sono stati 63 voli dai principali porti dell’isola, per un totale di 9620 passeggeri. I controlli su tutti i passeggeri hanno dato risultati negativi. Ma ci risulta che altri cittadini arrivano in Sicilia senza un’accurata azione di controllo. Questo non ci preoccupa ma è giusto che la gente lo sappia e che lo sappia l’Unità di Crisi. Pretendiamo le necessarie garanzie».

L’invito alla popolazione, infine, è sempre lo stesso: «In un momento come questo non dobbiamo perdere il controllo, dobbiamo restare razionali. Se ognuno di noi rimane presente alle proprie responsabilità supereremo anche questa situazione . Abbiamo eseguito 50 tamponi negli ultimi giorni e tutti hanno dato esito negativo».

 

(405)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *