Coronavirus. Mascherine, rientri dall’estero e stadi: cosa cambia con il nuovo Dpcm

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Entrerà in vigore a partire da oggi, lunedì 7 settembre 2020, il nuovo Dpcm del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte riguardante le misure di contenimento del coronavirus. Il testo proroga le norme riguardanti l’uso delle mascherine e i rientri dall’estero, ma con alcune novità. Nessun allentamento, però, per quel che riguarda eventi sportivi e concerti. Vediamo, punto per punto, cosa prevede il nuovo Decreto valido fino al 30 settembre 2020.

Il testo non è ancora disponibile sulla Gazzetta Ufficiale, ma il presidente Giuseppe Conte dovrebbe firmarlo entro la giornata di oggi, lunedì 7 settembre.

Dpcm del 7 settembre 2020: cosa prevede

Mascherine, quando, dove e per chi sono obbligatorie

Come riportato da La Repubblica, il Dpcm del 7 settembre 2020 proroga le misure già in vigore riguardanti l’uso delle mascherine. È obbligatorio indossare dispositivi di protezione individuale (come, appunto, la mascherina) sempre nei luoghi chiusi aperti al pubblico, sui mezzi di trasporto pubblici, ma anche all’aperto qualora non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza di un metro tra le persone. Rimane anche l’obbligo di indossare la mascherina dalle 18.00 alle 6.00 nei luoghi in cui maggiore è il rischio che si creino assembramenti (per esempio i luoghi della movida).

Le mascherine non sono obbligatorie per i bambini al di sotto dei 6 anni e per le persone con disabilità.

Viaggi e rientri dall’estero

Rimangono valide le misure previste dal Ministero della Salute lo scorso 12 agosto 2020. Chi rientra da paesi considerati “a rischio” coronavirus – Croazia, Grecia, Spagna e Malta – dovrà sottoporsi al test per verificare un’eventuale positività. Per ritornare in Italia occorrerà avere con sé il test con l’esito negativo effettuato nelle 72 ore precedenti il rientro (e non prima). In alternativa, sarà possibile sottoporsi a tampone all’aeroporto, al porto o alla frontiera, entro 48 ore dall’arrivo in Italia. Una terza possibilità è quella di richiedere il tampone alle Azienda Sanitarie locali (ASP nel caso della Sicilia) o nei drive-in disponibili. In entrambi questi ultimi casi il soggetto dovrà stare in isolamento fiduciario.

Novità del nuovo Dpcm è la possibilità di entrare in Italia per raggiungere lapersona con cui ha una stabile relazione affettiva” anche se non si è conviventi.

Stadi, partire e concerti

Il nuovo Dpcm del Premier Giuseppe Conte conferma le misure previste per quel che riguarda le partite e i concerti. Il Decreto, infatti, non prevede la riapertura degli stadi.

Mezzi pubblici come bus e tram

Oltre all’obbligo di indossare la mascherina, permangono alcune limitazioni per quel che riguarda i mezzi pubblici. Bus, tram, ecc, dovranno viaggiare al massimo all’80% della propria capienza.

(428)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.